Progetti, eventi e sogni

San Benedetto in Perillis, torna “Libri nell’Entroterra”: il sogno Booktown del Libraio di notte

La nuova avventura del Libraio di Notte. Seconda edizione del Festival "Libri nell'Entroterra", verso l'obiettivo Booktown": un nuovo turismo... Librario.

San Benedetto in Perillis futuro borgo del libro, o Booktown. Un paese, cioè, che vivrà dei libri e in mezzo ai libri. Un sogno? Forse, ma soprattutto un progetto che porta la firma del Libraio di Notte, al secolo Paolo Fiorucci.

La libreria indipendente aperta a Popoli dal libraio e scrittore Paolo Fiorucci – ormai tre anni fa – non si ferma. Nonostante le difficoltà logistiche incontrate durante l’emergenza sanitaria, ora c’è una nuova iniziativa all’orizzonte: un Festival letterario delle Aree interne, “Libri nell’Entroterra” edizione 2021. La rassegna, così come quella organizzata nel 2020, si terrà proprio a San Benedetto in Perillis, tra il 23 luglio e il 10 agosto, probabilmente nei fine settimana. Tra gli ospiti la scrittrice abruzzese Donatella Di Pietrantonio e l’Abruzzese fuori sede. 

L’appuntamento vuole essere, in realtà, il primo passo per raggiungere un obiettivo ancora più grande, che va oltre il semplice Festival da vivere insieme, tra appassionati di lettura e letteratura. “Il mio sogno – ci spiega Paolo Fiorucci, il Libraio di Notteè trasformare il borgo di San Benedetto in Perillis, nel prossimo futuro, in un autentico regno dei libri. Una booktown, appunto, come si dice oltremanica”. 

Il libraio di notte

Libri nell’entroterra vuole essere, quest’anno, “una seconda edizione indimenticabile, con gli scrittori e le scrittrici che vi piacerebbe ascoltare, interventi libreschi in giro per il borgo, murales e magari un concerto finale”, sottolinea il Libraio di Notte.

“Sarebbe un bel modo di ripartire dopo un anno come quello passato. Il programma di ‘Libri nell’Entroterra’ 2021 esiste, il mio entusiasmo è lo stesso degli inizi, ma purtroppo mancano i fondi necessari alla realizzazione di questo piccolo sogno. Per questo ho bisogno del vostro sostegno”. Il suo appello, lanciato sulla pagina Facebook del Libraio di Notte. 
Il libraio di notte

Dal festival letterario – che si può sostenere con una piccola donazione effettuabile a questo link – il sogno borgo del Libro per il paese di San Benedetto in Perillis e per conseguire una nobile missione: il riscatto delle aree interne grazie al turismo del libro. È questa la nuova avventura del Libraio di Notte.

Da dove nasce l’ispirazione? 

“Nasce da alcune esperienze virtuose in cui mi sono imbattuto. La prima è Hay-on-Wye, in Galles, ad opera di un libraio visionario che ha iniziato questo progetto, all’incirca 50 anni fa. A questa esperienza, ovviamente, ne sono seguite altre, una in Normandia e, più recentemente, un altro simile esperimento in Scozia“. 

Angoli del mondo ed avventure legate dalla passione per i libri, che hanno ispirato il Libraio di Notte. E che, già dal primo lockdown, nella primavera 2020, hanno suggerito a Paolo Fiorucci prima l’idea di un festival letterario, poi il sogno Booktown.

“C’è una cosa che accomuna questi borghi – spiega – e non è soltanto la concentrazione delle librerie in questi posti: si arriva a 15 librerie per paesi di appena 1000 abitanti. Ciò che li accomuna è un Festival letterario molto lungo, che queste Booktown ospitano annualmente. Si pensi che l’evento letterario dura quasi un mese e, durante l’anno, ci sono anche vari richiami: quali giornate internazionali, incontri, convegni. Appuntamenti che si sposano bene con un discorso di tipo turistico”. 

È proprio qui, infatti, che la cultura incontra le opportunità. Opportunità di un nuovo turismo, che abbia l’odore inconfondibile delle pagine colorate d’inchiostro e parole. Opportunità in cui la cultura e i caratteristici paesaggi delle aree interne – spesso povere di servizi ma non di autenticità – possono unirsi per formare il mix perfetto e il luogo ideale, che richiami tanta gente, unita dalla passione per i libri e per la lettura, regalandosi un viaggio grande lo spazio di due dimensioni: quella naturale del borgo e quella, fantastica, della realtà disegnata dalle storie.

“Nella mia libreria a Popoli, in questi anni, vengono già persone da fuori città. Da L’Aquila, Vasto, Pineto e anche da fuori Abruzzo. Un qualcosa che solitamente non capita a una libreria di una cittadina di medie dimensioni. È su questa strada, allora, che voglio investire e scommettere. Applicando dei modelli che altrove hanno funzionato e che continuano a funzionare, smussandoli per adattarli al nostro contesto. L’obiettivo è il turismo librario: far diventare San Benedetto in Perillis borgo del libro, affinché qualcuno venga a visitare il paese e allarghi lo sguardo al territorio circostante”. 

Un turismo a tema, quindi. Un po’ come il paese di Aielli, “Borgo Universo”: oggi punto di riferimento per la street art del Centro Italia e non solo.

“La schizofrenia del turismo che comincia a maggio, ha il suo picco ad agosto e poi scompare, non mi è mai piaciuta. Perché scompare? Perché non si parte, per un weekend – a ottobre, dicembre, febbraio – per venire a visitare i nostri borghi? Chi dice che l’inverno non sia funzionale a un turismo locale nelle nostre aree interne? La mia ambizione, proprio per questo motivo, è quella di creare un Festival che ‘faccia rumore’: che richiami persone da tutte le province d’Abruzzo. Un Festival con Laboratori per bambini, selfie point per stare al passo coi tempi, installazione di casette di book crossing, musica, animazioni e recitazioni teatrali. Da qui si può cominciare per raggiungere un turismo librario che renda vivi i nostri paesi 365 giorni all’anno. Per questo e per poter organizzare una manifestazione letteraria rilevante ho chiesto un sostegno, con un crowdfunding, Produzioni dal Basso. Non è importante donare molto, ma donare in molti. Ed è importante anche semplicemente condividere l’iniziativa per sostenere la nostra causa”. 

 

leggi anche
san benedetto in perillis
Eventi
Libri nell’entroterra, primo weekend: si parte con Donatella Di Pietrantonio
libri nell'entroterra
Eventi
Libri nell’entroterra, L’Abruzzese fuori sede al secondo weekend a San Benedetto in Perillis
libri
Le iniziative per il territorio
A Pizzoli la prima “Casetta dei libri” nel Parco Carlo Iannozzi
il libraio di notte
Attualita'
Chiude Il Libraio di Notte, “Abbiamo fatto l’impossibile, ma non escludo il ritorno”