Quantcast

Acquacoltura Abruzzo, 200mila euro per gli investimenti: il bando

Abruzzo, il bando per l'acquacoltura: 200mila euro per finanziare investimenti produttivi. Quali interventi verranno finanziati

Acquacoltura, il bando. “Nell’ambito delle attività previste nel FEAMP 2014-2020, l’Assessorato all’Agricoltura ha emanato un nuovo avviso per la Promozione degli Investimenti produttivi destinati all’acquacoltura (Misura 2.48)”, lo comunica il vicepresidente della giunta regionale con delega alla pesca Emanuele Imprudente.

Il bando, curato dal Servizio Sviluppo Locale ed Economia Ittica, prevede una dotazione di 200.000 euro ed è incentrato su iniziative destinate a finanziare investimenti produttivi per il settore acquacoltura, in linea con l’obiettivo tematico di migliorare la competitività delle PMI.

“In un’ottica di rafforzamento della competitività e della redditività del settore dell’acquacoltura, la Misura intende ampliare le prospettive di sviluppo favorendo la diversificazione della produzione, da attuarsi anche attraverso l’utilizzo in allevamento di specie di riferimento territoriale non alloctone – dichiara Imprudente.

Sono ammissibili a contributo differenti tipologie di intervento ed in particolare:

– gli investimenti produttivi nel settore dell’acquacoltura;

– la diversificazione della produzione dell’acquacoltura e delle specie allevate;

– l’ammodernamento delle unità di acquacoltura, compreso il miglioramento delle condizioni di lavoro e di sicurezza dei lavoratori del settore dell’acquacoltura;

– i miglioramenti e l’ammodernamento connessi alla salute e al benessere degli animali, compreso l’acquisto di attrezzature volte a proteggere gli allevamenti dai predatori selvatici;

– gli investimenti destinati a migliorare la qualità o ad aggiungere valore ai prodotti dell’acquacoltura;

– la diversificazione del reddito delle imprese acquicole tramite lo sviluppo di attività complementari.

Sono, inoltre, finanziabili le imbarcazioni asservite ad impianti di acquacoltura, iscritte nei registri e destinate ai servizi speciali per uso in conto proprio, le imbarcazioni di servizio con licenza di pesca di V^ categoria asservite ad impianto utilizzate in acquacoltura e gli investimenti relativi al commercio al dettaglio svolto dall’azienda quando tale commercio formi parte integrante dell’impresa di acquacoltura.