Quantcast

Consiglio comunale, approvato l’ordine del giorno sull’autovelox

L'AQUILA - I lavori del Consiglio comunale, approvato l'ordine del giorno sulla viabilità: dissuasori al posto degli autovelox. Tutti i punti approvati.

L’AQUILA – I lavori del Consiglio comunale, approvato l’ordine del giorno sulla viabilità: dissuasori al posto degli autovelox.

Con 14 voti favorevoli è stato approvato in Consiglio comunale l’ordine del giorno De Santis-De Matteis relativo alla viabilità che “impegna il sindaco ad intervenire valutando la possibilità di posizionare i dissuasori luminosi di velocità nei tratti interessati dalla nuova viabilità della ss17 e ss80 nei pressi dello svincolo autostradale L’Aquila Ovest e nei centri abutati nelle frazioni, così come sono stati già posizionati in altre arterie a scorrimento veloce della città, incentivando gli automobilisti a rispettare i limiti senza dover ricorrere a strumenti particolarmente invasivi, come gli autovelox mobili”. Con 16 voti è passato anche l’emendamento proposto da Paolo Romano. Non ha partecipato al voto il gruppo di FdI.

Ad ogni modo, l’autovelox è stato già rimosso. A fine aprile, infatti, erano iniziati i lavori per la posa dell’asfalto e la realizzazione dei passaggi pedonali rialzati lungo la SS 80, in corrispondenza dell’anello stradale per il collegamento con il casello dell’autostrada A24 e la parallela SS17. La durata dei lavori è stata stimata in due settimane, quindi a breve dovrebbero essere completati.

Consiglio comunale, gli altri punti all’ordine del giorno.

Il Consiglio, presieduto dal presidente Roberto Tinari,  ha approvato anche gli altri ordini del giorno, a partire dal parere in ordine al provvedimento regionale per il mutamento di destinazione d’uso e per l’alienazione di un terreno a Roio Piano.

Approvato anche un ordine del giorno e una mozione entrambe a firma della consigliera Mancinelli (Fi), rispettivamente per l’intitolazione del campo sportivo di Coppito a Mario Plazzi e per l’istituzione di un osservatorio sulla parità di genere e per il trattamento delle tematiche in terza commissione consiliare. “Esprimo profonda soddisfazione – ha poi dichiarato Chiara Mancinelli (FI) – per l’approvazione della mozione sull’attivazione, nel Comune dell’Aquila, di un osservatorio sulla parità di genere. Mozione che ho presentato, raccogliendo numerose richieste da parte di donne che hanno rappresentato questa esigenza. Nonostante i tanti interventi legislativi e una presa di coscienza ben diversa rispetto al passato, la discriminazione nei confronti delle donne è purtroppo ancora presente in diversi settori della società, a cominciare dal lavoro. La parità di genere è strettamente legata alla giustizia sociale e rappresenta uno degli obiettivi cardine dell’agenda 2030 delle Nazioni Unite per lo sviluppo sostenibile. E’ indispensabile pertanto intensificare gli sforzi per migliorare l’accesso delle donne a posti di lavoro dignitosi e, per arrivare a raggiungere questo traguardo, è fondamentale analizzare e affrontare le specifiche esigenze delle donne e degli uomini al fine di promuovere interventi mirati per consentire loro di partecipare in egual misura al mercato del lavoro. Purtroppo – e chi scrive ne ha dovuto saggiare le conseguenze – sono ancora troppo diffuse le situazioni in cui il ruolo e la professionalità di una persona vengono svilite dai pregiudizi di genere e di qui la mia proposta di allestire in Comune un osservatorio per tali tematiche, che possa raccogliere le segnalazioni di questo tipo e possa suggerire le migliori soluzioni possibili in modo efficace e mirato. Uno sportello che deve diventare uno dei fondamenti dell’istituzione ed è per questo che, con la stessa mozione, ho chiesto che le problematiche della parità di genere vengano incluse nelle competenze della terza commissione consiliare, che ho l’onore di presiedere”.

Approvato infine l’ordine giorno del consigliere Rocci (L’Aquila Futura) su “Intitolazione di una via a Bobby Sands in occasione del quarantesimo anniversario del suo martirio”.

“Siamo soddisfatti per la ricezione, da parte del Consiglio comunale di oggi, del nostro Ordine del Giorno relativo all’intitolazione di una via de L’Aquila a Bobby Sands, martire e combattente della causa irlandese; a 40 anni dalla sua morte avvenuta il 5 maggio del 1981” commentano Luca Rocci e Roberto Santangelo. “Anche L’Aquila, insieme ad altre città italiane ed estere, vedrà uno spazio pubblico dedicato a Bobby Sands. Un martire della causa irlandese, che iniziò un periodo di digiuno della fame durato oltre 60 giorni, un periodo interminabile e di estremo sacrificio; il sacrificio che ogni singolo giorno di digiuno ha permesso al mondo intero di scoprire e conoscere la situazione nell’Irlanda del Nord e del clima di disperazione e allo stesso tempo di determinazione che si respirava tra le strade di Belfast. Bobby Sands sarebbe morto il 5 maggio di 40 anni fa, impugnando una croce d’oro che lo stesso Papa Giovanni Paolo II gli volle far recapitare. Un gesto simbolico più che materiale, riconoscimento di quello che fu e di quello che sarebbe stato, negli anni successivi, una ribellione silenziosa e lontana dalla violenza armata, una rivoluzione che avrebbe portato agli scioperi dei portuali di New York verso le navi inglesi, alle celebrazioni negli Stati Uniti, a Cuba e in altre parti del mondo verso un richiamo costante di libertà. Il sacrificio di Bobby Sands ci insegna che i valori di libertà vanno conquistati giorno dopo giorno, non dandoli mai per scontati. Intitolargli una via dell’Aquila servirà proprio a questo”.