Quantcast

Interessi illegittimi: banca risarcisce impresa aquilana

Banca aquilana dovrà risarcire un'impresa edile a cui aveva chiesto circa 140 mila di interessi ritenuti illegittimi.

Una banca aquilana aveva chiesto degli interessi a un’impresa edile ritenuti illegittimi: per questo dovrà elargire all’azienda circa 92 mila euro.

La banca sarà costretta a risarcire l’impresa dopo una sentenza del tribunale civile che ha ribaltato i ruoli tra un’azienda del settore edile dell’Aquila e la banca dove era stato aperto un conto e attivati dei finanziamenti.

L’impresa, che avrebbe dovuto pagare circa 146 mila euro di interessi passivi e spese di contabilità, adesso con la sentenza diventa creditrice della banca. 

Il giudice infatti, come riporta Il Centro, ha ritenuto illegittimo il calcolo della somma pretesa dalla banca. Dai nuovi conteggi è emerso che la ditta deve ricevere la cifra indicata.

La banca nel 2016 aveva preteso la liquidazione del presunto credito accumulato in 12 anni di rapporti con la ditta. Quest’ultima si era opposta rivolgendosi al tribunale, difesa in giudizio dall’avvocato Silvia Gauzolino.

L’impresa, una volta molto florida e con 14 dipendenti, nel frattempo non ha retto l’impatto con il contenzioso, e ha chiuso i battenti. Per questo motivo, secondo l’avvocato, esiste un nesso evidente tra l’azione rivelatasi illegittima da parte della banca e la chiusura della ditta.

Si sta vagliando anche una possibile richiesta di risarcimento danni a carico dell’istituto di credito.