Quantcast

Covid 19, Celano in zona rossa

Nuova ordinanza del Presidente Marsilio dopo il monitoraggio settimanale. In provincia dell'Aquila Celano entra in zona rossa

Nuove disposizioni del Presidente Marsilio sul territorio regionale. In provincia dell’Aquila Celano entra in zona rossa per l’aumento dei contagi. Tornano in fascia gialla San Pio delle Camere e Barisciano.

Non arrivano buone notizie per il Comune di Celano, che dopo il consueto monitoraggio settimanale sulla situazione epidemiologia vede scattare la zona rossa, a partire dalla giornata di sabato 8 maggio. L’annuncio della Regione.

Covid19, Celano passa in zona rossa

Il presidente della Regione, Marco Marsilio, ha presieduto la riunione dell’Unità di Crisi, che si è svolta a Pescara, per analizzare le misure da adottare, dopo l’analisi dell’andamento epidemiologico settimanale. In attesa di conoscere il dato ufficiale relativo all’indice RT, che potrebbe salire di pochi centesimi di unità, si registra una situazione pandemica sotto controllo, con isolamento dei focolai che sono stati evidenziati.

Una settimana dove la pressione ospedaliera è scesa ulteriormente segnando un miglioramento di carattere generale. Escono quindi dalla zona rossa con effetto immediato, a partire dalla mezzanotte di oggi, i comuni di Barisciano e di San Pio delle Camere. Sempre in provincia dell’Aquila a partire da sabato per una settimana sarà in zona rossa il comune di Celano a causa dell’aumento dei contagi.

“Ci prepariamo alla visita del Commissario Figliuoloha dichiarato il presidente Marsilioconsapevoli di presentargli risultati positivi riguardo l’andamento dei contagi, grazie anche a un comportamento corretto dei cittadini. Il numero dei contagiati si abbassa grazie anche al continuo monitoraggio messo in atto dalle Asl. Per quanto riguarda i vaccini – ha concluso il presidente Marsilio – abbiamo rispettato gli obiettivi che il Commissario ha posto, riuscendo anzi a migliorarli. L’Abruzzo è pronto a far vedere con orgoglio al commissario Figliuolo come funzionano i nostri centri vaccinali”.