Quantcast

Torre Piazza Palazzo, lavori ultimati entro fine dicembre

Torre civica di Piazza Palazzo, problemi dopo la caduta di massi, con l'area transennata. Daniele in consiglio comunale: "Situazione complessa: lavori termineranno entro fine anno"

Torre Piazza Palazzo, i lavori saranno ultimati entro il 31 dicembre.

La notizia è stata data dal vice sindaco Raffaele Daniele nel corso del consiglio comunale di questa mattina a L’Aquila. In apertura dei lavori, infatti, la Torre civica di Piazza Palazzo al centro della discussione dell’assise per l’interrogazione presentata e illustrata dal consigliere Luciano Bontempo.

“Dalla relazione del RUP e dalla Direzione dei Lavori è possibile desumere che la fine dei lavori ci sarà entro fine dicembre 2021″.

Una notizia che, in merito proprio ai lavori di Palazzo Margherita, era stata data dal sindaco Biondi ai microfoni del Capoluogo, in occasione del viaggio a L’Aquila 12 anni dopo il 6 aprile 2009.

L’Aquila 2009 – 2021: io ricordo, 12 anni dopo per i vicoli del centro

Direzione Lavori che è stata sollecitata dal vice sindaco – come spiegato in Consiglio comunale – a risolvere le criticità che riguardano l’area, dopo la caduta di massi avvenuta lo scorso 2 febbraio e i provvedimenti assunti di conseguenze per tutelare la pubblica incolumità: cioè il transennamento dell’area.

Il 2 febbraio sono cadute pietre anche piuttosto grandi dalla Torre civica, investendo un’area prossima alla Torre e richiedendo l’intervento dei Vigili del Fuoco. L’area è stata transennata per motivi di sicurezza, così sono state chiuse via Cavour e via delle Aquile. Una chiusura che, a quanto pare, non si può definire provvisoria. Sicuramente è finalizzata a scongiurare danni e pericoli, ma c’è un grave inadempimento dell’amministrazione che doveva garantire l’efficenza dei lavori, oltre alle responsabilità della ditta esecutrice. Perché la torre non è stata messa in sicurezza? L’area ormai è interclusa, con tutte le conseguenze del caso per le attività limitrofe. Siamo davanti ad una situazione di illegittimità che l’amministrazione non può avallare. Come si vuole intervenire per cercare, quantomeno, di ripristinare il passaggio pedonale?“. Ha sottolineato Bontempo.

Sulla questione si è espresso, appunto, il vice sindaco Raffaele Daniele.

“Il cantiere è nato già con anomalie di fondo, finanziato da donazioni di istituti privati ed ha subito varie vicissitudini, ultima delle quali la caduta di massi e le relative problematiche all’area adiacente. Ricordo, tuttavia, che la Direzione dei Lavori non è del Comune del Comune dell’Aquila, per cui gli strumenti dell’amministrazione per risolvere questa situazione sono purtroppo limitati. Ho anche inviato una nota alla stessa Direzione, al Responsabile del Procedimento e al Coordinatore della Sicurezza, per fare presenti osservazioni sulle problematiche esistenti per l’area”, ha spiegato Daniele.

“Ho comunque provveduto a far arrivare una risposta – all’interrogazione presentata dal consigliere Bontempo – alla Presidenza del Consiglio comunale, affinché fosse condivisa con i consiglieri tutti, che include tre relazioni distinte degli uffici competenti per viabilità, protezione civile e ricostruzione pubblica. Precisiamo che ci sono stati anche dei ritrovamenti archeologici nella zona, anche questi hanno comportato rallentamenti nei lavori. Oltre a questo, ora è in atto un’ulteriore perizia di variante. La situazione è anomala e complessa: non è stata determinata da noi e, nel momento in cui si tratta di pubblica sicurezza non possiamo sostituirci alle autorità competenti. Comunque, dalla relazione del Rup è possibile presumere che la fine dei lavori si possa attestare entro fine anno”.

 

 

 

Foto copertina Weareinlaquila