Quantcast

Consiglio comunale L’Aquila, sull’autovelox manca il numero legale

L'AQUILA - Consiglio comunale sospeso per mancanza del numero legale sulla mozione urgente contro l'autovelox nella zona dell'uscita Ovest dell'A24.

L’AQUILA – Consiglio comunale sospeso per mancanza del numero legale sulla mozione urgente contro l’autovelox nella zona dell’uscita Ovest dell’A24.

Si chiude per mancanza di numero legale il Consiglio comunale di oggi, durante la discussione della mozione urgente presentata da Francesco De Santis (Lega) e Giorgio De Matteis (FI) contro il posizionamento dell’autovelox nei pressi dell’uscita L’Aquila Ovest della A24. Come precisato dallo stesso capogruppo della Lega, “si tratta di una questione squisitamente amministrativa, non politica, ma nel rispetto di tutti vorrei suggerire di condividere questa mozione anche per far capire che il Consiglio comunale, che ha una sua autonomia, non crede nella necessità di installare questo autovelox”. Nella mozione, infatti, si chiede al sindaco di intervenire “valutando la possibilità di posizionare i dissuasori luminosi di velocità nei tratti interessati dalla nuova viabilità della SS17 e SS80 nei pressi dello svincolo autostradale AqOvest, e nei centri abitati delle frazioni, così come sono stati posizionati già in altre arterie a scorrimento veloce della città, incentivando gli automobilisti a rispettare i limiti senza dover ricorrere a strumenti particolarmente invasivi come gli autovelox mobili”.

Autovelox L’Aquila Ovest, Lega: “Scelta non condivisa”

Il capogruppo FdI, Ersilia Lancia, ha annunciato che il gruppo non avrebbe partecipato al voto, preferendo un tavolo tecnico per valutare la soluzione migliore. Questo, insieme ad altre assenze, ha determinato la mancanza di numero legale e il Consiglio comunale è stato chiuso.

Consiglio comunale, gli altri punti all’ordine del giorno.

Il Consiglio comunale dell’Aquila ha approvato stamani il nuovo regolamento di contabilità, adeguandolo alle prescrizioni contenute nel decreto legistaltivo n. 118 del 2011, la cosiddetta normativa di armonizzazione di bilancio. Tra le principali novità, la definizione specifica delle competenze dei responsabili dei servizi, l’attivazione prestiti obbligazionari, il funzionamento del collegio dei revisori dei conti, i limiti all’affidamento degli incarichi e debiti fuori bilancio, con procedure dettagliate sulle responsabilità.

Successivamente l’Aula ha dato il via libera a una variante al Prg, nell’ambito del piano di ricostruzione della frazione di Onna; la deliberazione è stata illustrata dall’assessore all’Urbanistica, Daniele Ferella.

Onna, passa la variante al Piano di Ricostruzione

Approvato anche il provvedimento, proposto dall’assessore alle Opere pubbliche e allo Sport, Vito Colonna, con il quale è stato reiterato il vincolo preordinato all’esproprio di alcuni terreni a Paganica per la realizzazione del nuovo campo di calcio. Con la delibera, è stato anche adeguato il progetto che prevede interventi per complessivi 500mila euro.

Raccogliendo una proposta dell’Anci nazionale in occasione del centenario della sua traslazione all’Altare della Patria a Roma, il Consiglio ha approvato un ordine del giorno per il conferimento della cittadinanza onoraria al Milite Ignoto. Il documento è stato proposto dalle consigliere Silvia D’Angelo ed Ersilia Lancia (Fdi).

Votata all’unanimità anche una mozione con la quale il sindaco e la giunta sono stati invitati ad adeguare il regolamento per la telefonia mobile, approvando il programma annuale per 2021 e sospendendo ogni attività di autorizzazione delle stazioni radio base (srb) fino all’approvazione dei documenti in questione, che, sempre secondo l’ordine del giorno, deve avvenire entro il prossimo 15 luglio. L’ordine del giorno, inoltre, da mandato ai Capigruppo consiliari di costituire un gruppo di lavoro paritario, costituito da 3 rappresentanti della maggioranza, altrettanti dell’opposizione, i presidenti delle seconda e quarta commissione e i responsabili degli uffici comunali competenti affinché elabori programma 2021 e nuovo regolamento, da sottoporre alla giunta comunale.

Unanime anche il consenso all’ordine del giorno proposto dal consigliere Daniele D’Angelo (Benvenuto Presente) con la quale si invita il sindaco a intervenire presso il Governo, nelle more della pubblicazione dell’ultimo decreto sulle misure di contenimento del contagio covid-19, o presso il Parlamento, in fase di conversione del decreto in legge, affinché la riapertura delle attività dei pubblici esercizi possa essere estesa anche all’interno dei locali in aree geografiche dal clima particolarmente rigido come quella dell’Aquila.