Quantcast

Onna, ricostruzione più veloce senza lottizzazione

L'AQUILA - In Consiglio comunale la variante al Piano di ricostruzione di Onna per velocizzare i tempi. Il punto sulle pratiche e i cantieri.

L’AQUILA – In Consiglio comunale la variante al Piano di ricostruzione di Onna per ridurre i tempi di attuazione. Il punto sulle pratiche e i cantieri.

Arriva in discussione venerdì in Consiglio comunale l’ordine del giorno relativo all’adozione del Piano di ricostruzione di Onna, specificamente per la variante al sub ambito di completamento del centro storico, che prevede procedure più agevoli, evitando le lottizzazioni. Un provvedimento che mira quindi a velocizzare le pratiche.

onna ricostruzione

“A tutt’oggi – spiega il sindaco dell’Aquila Pierluigi Biondi a IlCapoluogo.it – nella frazione di Onna sono attivi 15 cantieri e 7 sono già stati conclusi ma è eclatante che su 47 istanze ben 13 siano ancora prive del progetto parte seconda. Pratiche che scontano ritardi che vanno dai 977 ai 1364 giorni: un dato su cui è necessario cambiare rotta. Per quanto si possano accelerare le procedure questi differimenti dei termini penalizzano enormemente non solo i proprietari delle abitazioni che attendono di tornare a casa ma l’intera frazione. Per questo l’appello che rivolgo ai titolari del contributo per la ricostruzione, ai presidenti di consorzio e agli stessi tecnici incaricati è quello di provvedere nel più breve tempo possibile a colmare questa lacuna. Comune e USRA stanno facendo un lavoro enorme per accelerare nei tempi di elaborazione delle pratiche. Noi stiamo facendo la nostra parte e mi aspetto che i cittadini, diretti interessati, e i professionisti facciano altrettanto per non vanificare questi sforzi”.

onna ricostruzione

Onna, il punto sulla ricostruzione.

Per il centro storico di Onna sono state presentate 47 schede parametriche parte prima (quelle che consentono di stabilire il contributo massimo ottenibile per un immobile); tutte le schede parametriche parte prima sono state istruite. Di queste, 28 ne sono state istruite anche per quanto riguarda le schede parametriche parte seconda (relative al progetto vero e proprio da cantierizzare). Ad illustrare a IlCapoluogo.it lo stato dell’arte rispetto alle pratiche della ricostruzione ad Onna, il titolare dell’USRA, l’Ufficio Speciale per la Ricostruzione dell’Aquila, Salvo Provenzano, che spiega che delle 28 pratiche istruite anche con le schede parametriche parte seconda, 7 hanno il cantiere già concluso, 15 il cantiere in corso e 6 non avviati per possibili problemi legati al titolo edilizio.

onna ricostruzione

Inoltre, per 6 progetti parte seconda in istruttoria si è in attesa delle integrazioni da parte tecnici. Mancano all’appello 13 progetti parte seconda, in attesa di consegna da parte dei tecnici, con ritardi che superano i tre anni.

onna ricostruzione

Diversi i motivi alla base dei ritardi relativi alla consegna dei progetti definitivi: “A volte – spiega il titolare dell’USRA – si tratta di problemi di successione o legittimazione delle proprietà, ma ad Onna c’è anche un altro problema legato purtroppo agli effetti del terremoto che ha raso al suolo tutto: si sono infatti persi anche i confini degli aggregati e spesso è difficile individuarli con precisione”.

onna ricostruzione

“Ad ogni modo – conclude il dottor Provenzano – la nostra ambizione è chiudere le pratiche di Onna prima possibile, per cui se questi progetti parte seconda verranno presentati nelle prossime settimane, insieme alle integrazioni delle altre pratiche, potremmo chiudere tutto in un anno. Sarebbe opportuno farlo quanto prima, perché il mancato avvio di alcuni cantieri non solo danneggia chi non può far rientro nelle proprie abitazioni, ma anche gli immobili vicini”.