Quantcast

Coprifuoco alle 22: le regole per le riaperture

Riaperture: il governo non cede sul coprifuoco: confermato alle 22 fino al 31 maggio.

Il governo mantiene il coprifuoco alle 22: è quanto emerge dopo una riunione tra il premier Mario Draghi e i ministri, con la Lega che ha annunciato che si asterrà sul voto del ddl di maggio.

Il decreto legge di maggio con le misure per il contenimento dei contagi da Covid 19 è stato approvato dal governo. Il coprifuoco rimane alle 22, come confermato dal presidente del Consiglio Mario Draghi.

Non passa dunque la linea del leader della Lega Matteo Salvini e il Carroccio decide di astenersi. Il decreto è in vigore fino al 31 luglio, ma è possibile che l’orario del coprifuoco venga modificato già il 31 maggio.

Oltre al coprifuoco vediamo cosa è consentito fare con il nuovo Dpcm 

Coprifuoco e spostamenti tra regioni

Confermato lo spostamento libero tra regioni di fascia gialla, mentre per passare tra regioni in fascia arancione e rossa per motivi di turismo servirà la certificazione verde che comprova l’avvenuta vaccinazione, la negatività al tampone e la guarigione da Covid- 19.

Coprifuoco e ristoranti e bar

I ristoranti e i bar in zona gialla riaprono all’aperto a pranzo e a cena. Dal 1° giugno si potrà andare nei ristoranti anche al chiuso a pranzo.

chiusure

Visite ad amici e parenti

Dal 26 aprile e fino al 15 giugno, in zona gialla e arancione, è possibile andare a trovare amici o parenti in un’abitazione privata (diversa dalla propria) in 4 persone al posto di 2.

Fiere, convegni, congressi, terme

Dal 15 giugno in zona gialla riaprono le fiere. Dal 1° luglio via libera a convegni e congressi. Attualmente i centri termali sono aperti con la prescrizione medica, dal 1° luglio l’accesso sarà consentito a tutti. Riaprono anche i parchi tematici e di divertimento.