Quantcast

Nuovo decreto Covid, come riparte l’Italia

Bozza del nuovo decreto per l'emergenza Covid 19. Resta il coprifuoco, ma iniziano le riaperture. Tutte le informazioni su ristoranti, palestre e attività.

Bozza del nuovo decreto per l’emerganza Covid 19. Resta il coprifuoco, ma iniziano le riaperture. Tutte le informazioni su scuole, palestre e convegni. Ristoranti dal primo giugno al chiuso a pranzo.

Dal 26 aprile riaprono in zona gialla i ristoranti a pranzo e cena “con consumo al tavolo esclusivamente all’aperto” mentre dal primo giugno potranno aprire ma solo a pranzo anche i locali che hanno spazi al chiuso. Lo prevede la bozza del decreto che dovrebbe approdare domani in Cdm nella quale si conferma il coprifuoco dalle 22 alle 5 del mattino. La bozza prevede inoltre in la zona gialla dal 15 maggio l’apertura delle piscine all’aperto, dei mercati e dei centri commerciali anche nei giorni festivi, dal primo giugno delle palestre, dal 1 luglio delle fiere, dei convegni e dei congressi, dei centri termali e dei parchi tematici.

Per quanto rigaurda gli spostamenti, nelle zone gialle, fino al 15 giugno sarà consentito un solo spostamento al giorno per andare a trovare parenti e amici tra le 5 e le 22 in massimo 4 persone oltre ai minorenni sui quali si esercita la responsabilità genitoriale. Lo prevede la bozza del Decreto che sarà in Cdm nelle prossime ore e nella quale si ribadisce che lo spostamento nelle zone gialle è consentito sia all’interno della regione che tra regioni dello stesso colore. In zona arancione lo spostamento è consentito solo in ambito comunale mentre per uscire dalle zone arancione o rossa servirà la certificazione verde.

Per quanto riguarda invece le scuole, la bozza del decreto prevede che le superiori potranno adottare “forme flessibili nell’organizzazione dell’attività didattica” affinché sia garantita, in zona rossa, la presenza “ad almeno il 50% e fino a un massimo del 75%, della popolazione studentesca” mentre in zona gialla e arancione la didattica in presenza deve essere garantita “ad almeno il 60% e fino al 100% della popolazione studentesca”. È quanto prevede la bozza del Decreto che dovrebbe approdare in Cdm domani. Le disposizioni, prosegue il testo, “non possono essere derogate da provvedimenti dei presidenti delle Regioni” fatto salvo casi di “eccezionale e straordinaria gravità” dovuti al Covid.

Uffici pubblici, Chiodi razionalizza con un decreto