Quantcast

Ospedale Avezzano, reparto Covid al collasso: pazienti trasferiti a L’Aquila

Reparto Covid senza più posti ad Avezzano: pazienti in attesa nella sale del Pronto Soccorso. Molti trasferiti a L'Aquila. La situazione

L’ospedale di Avezzano è di nuovo in grossa difficoltà. Reparto Covid al collasso: pazienti costretti a stazionare al pronto soccorso, in attesa di posti liberi. Molti trasferimenti a L’Aquila.

Se fino a due mesi fa l’ospedale di Avezzano reggeva in termini di pressione ospedaliera, l’incremento di casi Covid partito in città da prima di Pasqua sembra ormai dare i suoi effetti negativi. Il risultato è un reparto Covid di nuovo saturo, con tutte le conseguenze del caso.

Covid 19 L’Aquila, picco di ricoveri in Terapia Intensiva a Pasqua: sos Marsica

Un primo allarme era stato lanciato dall’assessore Maria Teresa Colizza, che aveva spiegato come si temesse l’effetto Pasqua. A questo era subito seguito l’appello di Marinangeli al senso di responsabilità, soprattutto nel momento in cui il personale è impegnato in una massiva campagna di vaccinazione. Si è arrivati, ora, ad una situazione che sembrerebbe ricordare quella vissuta lo scorso autunno.

Ospedale Avezzano in Tv, il giorno dopo

Non si trovano posti letto per i contagi Covid. Così i pazienti vengono sistemati nella sale del pronto soccorso, aspettando che si liberi un posto per procedere al ricovero. Uno dei principali motivi per cui Avezzano e gran parte del territorio marsicano persistono in zona rossa.

Stando a quanto riportato dal Messaggero, l’ospedale di Tagliacozzo registrerebbe il 50% dei posti Covid vuoti, eppure 13 pazienti di Avezzano sono stati trasferiti a L’Aquila.

Intanto, nella giornata di ieri, non sono state registrate nuove vittime Covid, dopo una settimana nera per la Marsica intera.

Ad Avezzano è deceduta una donna a di 46 anni, Anna Maria Romagnoli, madre di tre figli, che era ricoverata in Terapia Intensiva Covid a L’Aquila.

Covid 19 Avezzano, muore a 46 anni mamma di tre figli

A Capistrello lacrime e dolore per il 61enne Carlo Persia, operaio in servizio a Torino, deceduto mentre era ricoverato all’ospedale piemontese. A Tagliacozzo, nell’arco di 72 ore, si sono spenti padre e figlio. Quest’ultimo, Alberto Valentini, è deceduto a soli 41 anni. È morto venerdì, era ricoverato positivo al Covid all’ospedale di Avezzano. Gli avvocati Luca e Pasquale Motta – riporta ancora il Messaggero – hanno inviato un esposto in Procura per chiedere accertamenti circa eventuali omissioni dei sanitari. Non si spiegano come un giovane, senza patologie pregresse, sia morto per il virus. Due giorni prima era venuto a mancare suo papà, Giovanni Valentini, 73enne.