Quantcast

L’Aquila Città europea dello Sport 2022: consegnata la targa a Biondi

L'Aquila Città europea dello Sport 2022: consegnate la targa e la 'ciotola della benemerenza' al sindaco Biondi. La cerimonia

L’Aquila Città europea dello Sport 2022: consegnata la targa al sindaco Biondi.

Il sindaco dell’Aquila, Pierluigi Biondi, ha partecipato questa mattina alla cerimonia promossa da Aces Europe nell’ambito della quale sono statale consegnata la targa e la ‘ciotola della benemerenza’ per il conferimento al capoluogo d’Abruzzo del titolo di “Città europea dello sport 2022”.

L’iniziativa si è svolta nel salone d’onore del Coni, a Roma, con la partecipazione del sottosegretario alla presidenza del consiglio dei ministri con delega allo Sport, Valentina Vezzali, il presidente del Comitato olimpico nazionale Italiano, Giovanni Malagò, il presidente di Sport e Salute, Vito Cozzoli, il presidente di Aces Europe e Msp Italia, Gian Francesco Lupattelli, e Francesca Bortolozzi, presidente onoraria Msp Italia e olimpionica di scherma. All’evento, cui hanno preso parte sindaci e amministratori locali italiani, era presente anche l’assessore regionale allo Sport, Guido Liris.

L’Aquila è città europea dello Sport 2022

“Un riconoscimento per il percorso compiuto nel processo di candidatura con cui sono stati premiati gli sforzi per riqualificare e valorizzare gli impianti sportivi della città e delle frazioni. – spiega il sindaco Biondi – In un momento così complicato per lo sport italiano, con decine di associazioni che svolgono attività essenziale per i nostri giovani e da un anno sono alle prese con i problemi e le conseguenze legate alla pandemia, compito delle istituzioni è quello di far sentire il proprio sostegno e vicinanza.
Oltre che elemento di coesione sociale, crediamo nello sport quale veicolo di promozione turistica e consolidamento dell’immagine della città. Adesso, con l’assessore allo Sport, Vito Colonna, lavoreremo per la calendarizzazione degli eventi e perché sia tutto pronto per ospitare delegazioni e gare”.