Quantcast

Orsa Amarena a Goriano Sicoli: implementare sicurezza animali selvatici

Orsa Amarena in giro con i suoi cuccioli a Goriano Sicoli: in campo tutte le attività per tutelare l'habitat e la sicurezza degli animali selvatici.

La presenza dell’ Orso Bruno marsicano (ursus arctos marsicanus) nel territorio del Parco Regionale Sirente Velino è oramai un dato acclarato e trova conferma nella continuità delle segnalazioni, l’ultima delle quali nel comprensorio ricadente fra il Comune di Goriano Sicoli e Raiano.

Alla presenza validata e certificata si è accompagna in questi giorni la notizia della transitare di un intero nucleo familiare in modo speculare a quanto accaduto lo scorso 2020 nel territorio della Riserva Naturale Regionale “Lago di San Domenico e Lago Pio” a Villalago.

L’orsa Amarena a spasso per Goriano Sicoli: troviamo il giusto equilibrio

Tutto ciò impone un’implementazione delle attività e degli interventi.

Interventi che, però, devono essere efficacemente mirati e calibrati e che necessitano di una rapida concretizzazione anche in considerazione dell’oramai accertata mobilità del plantigrado al di fuori dell’area principale di attività ( configurabile nel PNALM).

Un allargamento dell’areale di frequentazione che, nel rappresentare una condicio prevalente per la sopravvivenza della specie, determina però anche la conseguente occorrenza di promuovere politiche attive finalizzate sia alla prioritaria alla salvaguardia dell’orso e sia ad azionare interventi idonei a garantire il massimo della sicurezza in un quadro di pacifica convivenza.

Ed è in ragione di quanto espresso che Ambientee/èVita Abruzzo nei giorni scorsi si è recata presso il Comune di Goriano Sicoli ed ha chiesto di incontrare il Sindaco Rodolfo Marganelli, il Presidente della Comunità del Parco Sirente Velino Francesco D’Amore ed il Commissario Regionale del Parco Sirente Velino Dott. Igino Chiuchiarelli.

Nel corso degli incontri l’Associazione ha manifestato la volontà di dare corso al posizionamento di cartellonistica informativa e di avviare una campagna di sensibilizzazione rivolta alla cittadinanza ed agli attori delle categorie presenti sul posto.

Una campagna, donata dall’Associazione, che, nelle modalità di esplicazione, verrà concordata tanto con il Parco Sirente Velino quanto con l’Amministrazione comunale nei termini e nei modi che si riterranno più efficaci per rendere penetrativo ed adeguato il messaggio da diffondere.

Una proposta accolta con soddisfazione dai vertici del Parco e dal Sindaco che al netto delle tempestive misure attivate dagli Organismi di competenza, dal Parco medesimo e dal Comune, hanno ritenuto indispensabile concertare misure idonee a consentire sia la salvaguardia del plantigrado che la sicurezza dei cittadini.

L’idea di programmare, pianificare e realizzare interventi di medio lungo termione è stata, infatti, ritenuta come l’unica soluzione valida per governare gli eventi ed i processi piuttosto che dare risposte a situazioni di natura emergenziale anche in presenza di adeguata ed immediata risposta operativa.

Un principio di precauzione e prevenzione sposata anche dall’Amministrazione Comunale di Raiano e dal Sindaco Marco Moca che, su sollecitazione dell’Associazione, ha inteso adottare un’ordinanza cautelativa in vista del possibile transito di esemplari di orso bruno marsicano.

Un attività, quindi, a 360° che va il paio con l’elaborazione e la realizzazione di interventi finalizzati alla tutela dell’orso marsicano nella Riserva “Lago di San Domenico e Lago Pio” a Villalago nel quadro delle misure finanziate dalla Regione Abruzzo in attuazione della L.R.n.15/2016.

Azioni che, nelle prossime settimane, verranno portate a compimento come da programma e che implementeranno con efficacia le misure già attuate nelle precedenti annualità.

Concertazione, condivisione, rispetto delle regole, efficacia degli interventi e competenza: sono questi gli ingredienti che Ambiente e/è Vita utilizza quali parametri di riferimento per dare corso ad una gestione co-responsabile e di sostenibilità di prossimità per salvaguardare una specie che , come spesso si dimentica, è patrimonio dell’Umanità ed, quanto tale, bene comune senza sigle ed etichette.

Il Segr. Reg.le di “Ambiente e/è Vita Abruzzo Patrizio Schiazza