Quantcast

L’Aquila 1927: 2-0 contro il Delfino Flacco Porto

Si riparte: L'Aquila 1927 scende in campo, tra le mura del 'Gran Sasso d'Italia', per il primo match dell'anno dopo la lunga sosta causata dal covid-19.

Buona la prima de L’Aquila dopo il lungo stop del campionato a causa del covid-19: 2-0 contro il Delfino Flacco Porto.

Si riparte: L’Aquila 1927 scende in campo, tra le mura del ‘Gran Sasso d’Italia’, per il primo match dell’anno dopo la lunga sosta causata dal Covid-19.

Dopo tanta attesa e tante indecisioni sulla ripartenza del campionato, i rossoblù di mister Roberto Cappellacci tornano sul terreno di gioco, pronti ad affrontare il Delfino Flacco Porto. Buona la prima per i padroni di casa: 2-0 il risultato finale del match.

15′, Catalli si trova a due passi dalla porta, ma il suo diagonale si spegne sul fondo. Tre minuti dopo, nuova grande chance per L’Aquila: Catalli calcia in porta, respinge Calore, palla sui piedi di Miccichè che va a botta sicura, ma questa volta sulla linea si fa trovare Giannini che fa le veci del portiere. Ma il risultato si sblocca al 37′: rigore concesso ai rossoblù, sul dischetto va Miccichè che non sbaglia e porta in vantaggio i padroni di casa. Fine primo tempo, risultato parziale 1-0.

Prima frazione del secondo tempo che vede il punteggio restare immutato. Punteggio, però, destinato a cambiare nuovamente: 27′, Cipriani per Miccichè che di nuovo viola la porta difesa da Calore. Due minuti e gli ospiti cercano di accorciare le distanze: il neo entrato D’Incecco serve Petre che, di testa, spinge di poco fuori.

39′, di nuovo Miccichè ci prova: la rovesciata a metà campo di Di Paolo favorisce Maisto, che serve il numero sette che, però, davanti al portiere, calcia su di lui, senza trovare la porta. 43′, angolo per gli ospiti: batte D’Incecco per il colpo di testa di Giannini, che però termina di poco alto. Nient’altro da annotare. Risultato finale, 2-0.

L’AQUILA 1927: Domingo, Lenoci (40′ st Fonti), Moscianese (33′ st Cipriani), Zanon (40′ st Ricci), Altares, Venneri, Miccichè, Di Norcia, Di Paolo, Catalli (22′ st Rosano), Pellecchia (22′ st Maisto). A disp.: Chicarella, Bisegna, La Selva, Di Federico. All. Roberto Cappellacci.

DELFINO FLACCO PORTO: Calore, Sabatini, Blasoli (36′ st Planamente), Tine Mori (18′ st Di Federico), Silvestri, Petre, Gobbo Carrer (22′ st D’Incecco), Falco, Giannini, Lupo (20′ st Brattelli), Marzucco (22′ st Paolilli). A disp.: Amoruso, Sichetti, Molenda, Rosini. All. Guglielmo Bonati.

ARBITRO: Matteo Maria Giallonardo (Sulmona).

ASSISTENTI: Matteo D’Orazio (Teramo), Antonello Pietrangeli (Sulmona).

AMMONITI: Lenoci, Cipriani, Zanon.

L’Aquila 1927: Interviste post L’Aquila-Delfino Flacco Porto.

Sciarra: “Abbiamo fatto una buona partita”. Bonati: “Nel primo tempo, ci è mancata la finalizzazione, ma abbiamo fatto la partita che avevamo preparato”.

Nel post L’Aquila-Delfino Flacco Porto, terminata 2-0, arrivano le parole dei protagonisti: ai microfoni della stampa, il primo a prendere la parola è il tecnico ospite Guglielmo Bonati.

“La valutazione della partita va fatta anche in base alle potenzialità delle squadre in campo. Nel primo tempo, ci è mancata sicuramente la finalizzazione: abbiamo fatto la partita che avevamo preparato. La grandezza della squadra è stata correre, ma anche ripartire. A mio parere, il rigore su Gobbo era netto. Un nostro goal in quel momento avrebbe cambiato la partita e riportato il risultato in pari’.

Prosegue il vice allenatore rossoblù Andrea Sciarra.

“Abbiamo fatto una buona partita: siamo partiti bene, abbiamo sofferto un momento della partita quando loro si sono messi con il 3-5-2. Il problema fisico di Moscianese, un problema muscolare, ci ha messo un po’ in difficoltà. Loro vivono di entusiasmo, sono freschi e giovani. Li temevamo molto. I tre punti erano vitali, dato che la prossima settimana riposiamo e poi andremo a Chieti. Se avessimo preso goal nei minuti in cui loro si sono fatti avanti, sarebbe andata peggio. Cipriani? È cresciuto molto. Abbiamo molti giocatori a disposizione, questo campionato così complesso lo richiede. L’Aquila vuole vincere il campionato e ce li ha messi a disposizione”.