Quantcast

L’Aquila, atti vandalici alla bibliotechina rossa

Atti vandalici alla Villa Comunale: distrutta la bibliotechina rossa dedicata al bookcrossing. L'amarezza del professore Massimo Casacchia.

L’Aquila – Atti vandalici alla bibliotechina rossa dedicata al bookcrossing installata dal Rotary Club alla Villa Comunale.

Il professore Massimo Casacchia esprime rammarico per l’ennesimo atto vandalico, questa volta ai danni della bibliotechina rossa della Villa Comunale.

“Una cittadina dell’Aquila che abita vicino alla Villa Comunale ci ha segnalato, con profondo rammarico e incredulità, un atto vandalico che ha danneggiato la “bibliotechina rossa” posizionata dal Rotary Club L’Aquila l’8 marzo del 2018, vicino a quella panchina rossa, installata anch’essa dallo stesso Rotary Club nel novembre 2016.

atti vandalici bibliotechina

Il rammarico è ancora più profondo perché la bibliotechina, destinata al cosiddetto “bookcrossing”, ovvero al prendere in prestito e lasciare libri sulle donne e scritti dalle donne, era stata recentemente completamente ricostruita sempre a cura del Rotary, per via di un precedente atto vandalico da parte di ignoti con distruzione della cassettina e dei libri, strappati, con le pagine sparse nel giardino.

Il lavoro di “ricostruzione” della bibliotechina era stato portato a termine in occasione di un incontro organizzato nella giornata internazionale della donna dell’8 marzo scorso, che ha visto, tra gli altri, la presenza del nostro Sindaco, Dott. Pierluigi Biondi, della Presidente del Rotary Club L’Aquila, Dr.ssa Marisa D’Andrea, della Presidente del Centro Antiviolenza, Avvocata Dott.ssa Simona Giannangeli, e del Prof. Massimo Casacchia, organizzatore della giornata e “guardiano” della bibliotechina.

Come la panchina rossa, anche la bibliotechina, della Villa Comunale dovrebbero ormai fare parte del corredo ambientale e urbano caro ai cittadini, che ci piacerebbe ‘adottassero’ queste strutture semplici, a forte significato simbolico e vigilassero sulla loro buona condizione.

Nel commentare con amarezza l’insensatezza di tale vandalico, ci chiedevamo, a due giornate dal 6 aprile, ma se neanche le piccole ricostruzioni ce la fanno, come si fa a ricostruire L’Aquila?”.