Quantcast

Covid 19, Avezzano e comuni dell’aquilano in zona rossa

Emergenza Covid 19, preoccupa la provincia aquilana. Nuovi comuni in zona rossa da lunedì. L'esito della riunione dell'Unità di crisi.

Emergenza Covid 19, preoccupa la provincia aquilana. Nuovi comuni in zona rossa da lunedì.

Mentre per le province di Chieti e Pescara non hanno più comuni in zona rossa e pochi residuano in quella di Teramo, a preoccupare è la provincia dell’Aquila, sia per quanto riguarda la Marsica, compresa Avezzano, che per quanto riguarda la zona aquilana dalla piana di Navelli alla Valle Subequana, fino alle porte dell’Aquila, con Ocre, Poggio e Barisciano, che da lunedì saranno in zona rossa. Lo ha spiegato il presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio, al termine della riunione dell’Unità di crisi, sottolineando: “Dobbiamo comunque considerare la situazione peggiore degli attuali numeri, considerando che a Pasqua e Pasquetta non sono stati fatti molti tamponi”.

Ad ogni modo, questa settimana ha visto l’indice RT salire leggermente rispetto a quella scorsa, assestandosi a 0,89. Un incremento causato dall’aumento dei contagi nella provincia dell’Aquila che è stata messa sotto maggiore attenzione da parte della Asl.  “La provincia dell’Aquila questa settimana ha messo in evidenza un incremento sensibile dei dati – ha dichiarato il presidente Marsilio – incremento che desta preoccupazione, peraltro con numeri che si avvicinano o superano l’incidenza di 250, nonostante che a Pasqua e a Pasquetta sia stato eseguito un numero inferiore di tamponi. Ciò significa che, con prudenza, dobbiamo prendere in considerazione una situazione peggiore dei numeri che oggi la descrivono. Per questa ragione, mentre a Chieti e Pescara non ci sono comuni in zona rossa e nel Teramano ne rimangono solo tre, in provincia dell’Aquila una vasta area della Marsica, compresa Avezzano, la zona della Piana di Navelli e paesi della Valle Subequana verranno messi in zona rossa a partire da lunedì prossimo”.

Per quanto riguarda la campagna vaccinale il presidente Marsilio ha evidenziato che “attraverso la piattaforma di Poste Italiane si procederà incrementando il numero di vaccinazioni che consentirà di rispettare le previsioni per mettere in sicurezza la popolazione. Con l’occasione torno a fare un appello agli abruzzesi affinché non abbiano paura di farsi il vaccino Astra Zeneca, di fidarsi delle indicazioni delle autorità sanitarie che sono dimostrazione di cautela e prudenza, cominciando soprattutto da chi adesso deve fare il richiamo”.

Di seguito l’elenco completo dei comuni soggetti a maggiori restrizioni che con la nuova ordinanza diventeranno zona rossa e quelli che escono dalle misure restrittive.

Provincia di Chieti: esce dalle restrizioni il Comune di Lentella.

Provincia di Pescara: escono dalle restrizioni i Comuni di Collecorvino, Roccamorice e San Valentino in Abruzzo Citeriore

Provincia di L’Aquila: escono dalle restrizioni i comuni di Pratola Peligna e Corfinio.
Sono in zona rossa i Comuni di Barisciano, Poggio Picenze, Fossa, Ocre, Sant’Eusanio Forconese, Villa Sant’Angelo, San Demetrio ne’ Vestini, Fagnano Alto, Prata d’Ansidonia, San Pio delle Camere, Caporciano, Navelli, Collepietro, Oricola, Carsoli, Pereto, Rocca di Botte, Sante Marie, Tagliacozzo, Cappadocia, Magliano de’ Marsi, Scurcola Marsicana, Castellafiume, Avezzano, Capistrello, Canistro, Civitella Roveto, Morino, San Vincenzo Valle Roveto, Balsorano, Civita d’Antino, Luco dei Marsi, Trasacco, Aielli.

Provincia di Teramo: escono dalle restrizioni i Comuni di Sant’Omero, Sant’Egidio alla Vibrata, Alba Adriatica, Canzano e la frazione di Pietralta nel Comune di Valle Castellana.
Sono in zona rossa i Comuni di Martinsicuro, Colonnella e Nereto.

Emergenza Covid 19, i nuovi colori delle Regioni.

Il Ministro della Salute, Roberto Speranza, sulla base dei dati e delle indicazioni della Cabina di Regia, firmerà in giornata nuove ordinanze che andranno in vigore a partire dal 12 Aprile. Passano in arancione le Regioni Calabria, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Piemonte e Toscana. Lo comunica il ministero della Salute. Passa invece in zona rossa la Regione Sardegna.