Quantcast

Ricostruzione L’Aquila e Cratere, la nuova normativa anti-burocrazia

Una ricostruzione più veloce, anche per gli interventi di importo pari o superiore a 1 mln di euro. L'esame della nuova normativa della Conferenza di Servizi in Prefettura.

Una ricostruzione più veloce, anche per gli interventi di importo pari o superiore a 1 milione di euro.

Esame della nuova normativa istitutiva della Conferenza di servizi permanente per la ricostruzione degli edifici pubblici e delle infrastrutture nei territori della regione Abruzzo colpiti dagli eventi sismici del 2009

Presieduta dal Prefetto dell’Aquila, Cinzia Torraco, e dal Provveditore Interregionale per le Opere Pubbliche per il Lazio, l’Abruzzo e la Sardegna, Vittorio Rapisarda, si è svolta oggi in videoconferenza una riunione per l’esame congiunto della nuova normativa istitutiva della Conferenza di servizi permanente per la ricostruzione degli edifici pubblici e delle infrastrutture nei territori della regione Abruzzo colpiti dagli eventi sismici del 2009. All’incontro hanno preso parte il Dirigente della Sede Coordinata dell’Aquila; il Titolare dell’Ufficio Speciale per la Ricostruzione dell’Aquila; il Titolare dell’Ufficio Speciale per la Ricostruzione dei Comuni del Cratere ed i Sindaci dei Comuni ricadenti nello stesso Cratere del terremoto.

Ricostruzione, pratiche più veloci

Ricostruzione, in Prefettura l’esame della nuova normativa

Nel corso della riunione si sono esaminate tutte le procedure disciplinate dall’art. 57-quater della legge 126/2020, che, al fine di accelerare il completamento della ricostruzione degli edifici pubblici e delle infrastrutture, demanda alla Conferenza le decisioni, in ordine agli atti di approvazione, dei progetti definitivi o esecutivi di opere pubbliche i cui lavori richiedono interventi di importo pari o superiore a 1 milione di euro.

La nuova norma, per la cui approvazione è stato decisivo l’intervento del Provveditore e del Prefetto, ha già visto da parte degli stessi uffici del Provveditorato la definizione concreta delle procedure da seguire da parte delle stazioni appaltanti, consentendo di arrivare ad approvazione di progetti superiori a milione di euro in 30 giorni, snellendo in modo sostanziale l’esecutività dei lavori che richiedevano in passato tempi decisamente più lunghi per la loro definizione.

Ampia soddisfazione è stata espressa dai sindaci presenti, che hanno avuto modo di ricevere ogni chiarimento ai tanti quesiti proposti, per il forte impulso che dall’approvazione della norma verrà trasmesso ai lavori per la ricostruzione pubblica ricadenti nei propri territori. Il Prefetto ed il Provveditore hanno auspicato che il ricorso alla Conferenza Permanente, che comunque è obbligatorio per progetti di importo superiore ad 1 milione di euro, decolli con decisione, a beneficio della cantierizzazione dei lavori di ricostruzione pubblica residui nei territori dei Comuni del Cratere.