Quantcast

Manuel Di Nicola morto per annegamento: esclusa la morte violenta

Manuel Di Nicola, non si è trattato di morte violenta: il 33enne di San Benedetto dei Marsi sarebbe morto per annegamento.

Manuel sarebbe morto per annegamento, dopo essere caduto accidentalmente nell’acqua del canale.

Un incidente dietro la morte di Manuel Di Nicola, morto per annegamento stando ai risultati del secondo esame autoptico disposto sul corpo del giovane

Sembrerebbe risolversi così il giallo del Fucino sulla scomparsa del 33enne di San Benedetto dei Marsi, Manuel Di Nicola, ritrovato morto sabato 13 marzo, non distante dal punto in cui era stata rintracciata l’automobile. Morte avvenuta per annegamento in un canale fucense.

Manuel Di Nicola, ritrovato morto il giovane scomparso da San Benedetto dei Marsi

Annegamento e non, quindi, morte violenta per Manuel Di Nicola.

Queste le risultanze dei nuovi accertamenti richiesti dal Pm, il dottor Cerrato della Procura di Avezzano. Sul corpo senza vita di Manuel Di Nicola, nella giornata di ieri, è stato eseguito un nuovo esame autoptico all’ospedale di Avezzano, da Cristian D’Ovidio, professore di Medicina legale all’Università d’Annunzio, Simona Ricci, medico legale, e dai periti di parte Pietro Falco e Giuseppe Stornelli.

Manuel Di Nicola

Dopo il primo esame eseguito, in cui la dottoressa Ricci non era riuscita a chiarire le cause della morte, era stato disposto anche l’esame, da parte dei Ris, dell’automobile guidata da Manuel Di Nicola al momento dell’allontanamento dalla sua famiglia, domenica 7 marzo, in seguito al Battesimo del suo bambino.

Secondo quanto riporta Il Messaggero, i Ris non avrebbero trovato tracce di sangue sull’auto, né tracce d’interesse nell’ambito delle indagini. Resta, tuttavia, il mistero legato ai soldi scomparsi, circa 700 euro che il giovane papà aveva in tasca secondo il racconto dei familiari.

Stando alla ricostruzione fatta finora dagli inquirenti il 33enne sarebbe finito con l’auto, una Punto Bianca, in mezzo al fango, in un terremoto adiacente alla Strada Cintarella, finendo poi accidentalmente nel canale mentre cerca di allontanarsi a piedi, dal momento che l’automobile era rimasta impantanata. Domani il Magistrato dovrebbe autorizzare il rilascio della salma ai familiari.