Quantcast
Addio a Giovanna Di Matteo, simbolo del corteo storico della Perdonanza - Il Capoluogo
Necrologio

Addio a Giovanna Di Matteo, simbolo del corteo storico della Perdonanza

Addio a Giovanna Di Matteo. Si è spenta all'Ex Onpi. Storica dell'arte di fama nazionale e curatrice del Corteo storico della Perdonanza

Giovanna Di Matteo è venuta a mancare alle prime luci del giorno, in un triste lunedì 5 aprile per L’Aquila. Il suo nome è indissolubilmente legato al corteo storico: la sua arte sartoriale dietro l’eleganza e il dettaglio fine dei costumi del corteo che ricorda ogni anno la Perdonanza Celestiniana

La scomparsa di Giovanna Di Matteo lascia un vuoto profondo nell’intera comunità aquilana. Per diversi anni ha curato la ricostruzione filologica del Corteo e, da sempre, cura gli abita della manifestazione di agosto. Sono già numerosi i messaggi sui social in ricordo di Giovanna Di Matteo. Lascia un vuoto immenso tra il grande popolo dei figuranti della Perdonanza aquilana.

Un cordoglio condiviso dall’intero territorio.

Allo spuntare del sole di una splendida mattina Aquilana Giovanna ci ha salutati. Per noi tutti ci sarai SEMPRE. Un bacio Gio’❣

Pubblicato da Pietro Piccirilli su Lunedì 5 aprile 2021

Giovanna di Matteo

Queste le parole scelte dal Tenente Colonnello Pietro Piccirilli, che per anni ha collaborato con Giovanna Di Matteo.

Il ricordo del sindaco Biondi

Il sindaco dell’Aquila, Pierluigi Biondi, a nome personale e della Municipalità, ha espresso il profondo cordoglio per la scomparsa di Giovanna Di Matteo, per 14 anni curatrice del Corteo storico e degli abiti d’epoca della Perdonanza Celestiniana.

Nei giorni della ricorrenza del dolore, un altro lutto pervade la comunità aquilana – ha commentato il sindaco Biondi – Giovanna purtroppo non ce l’ha fatta e perdiamo una figura di altissimo spessore culturale. Una personalità dalla valenza poliedrica, per anni e anni storica dell’arte della Soprintendenza, curatrice di mostre in Abruzzo, scrittrice di saggi, disegnatrice. Per noi era la donna che ha rivoluzionato l’aspetto estetico e storico della Corteo della Bolla del Perdono, riconfigurando, grazie alle sue eccellenti doti di sarta esperta storica, i costumi del Corteo stesso, di cui era diventata la vera anima contribuendo anche lei al riconoscimento della nostra Perdonanza quale patrimonio immateriale culturale dell’umanità Unesco. La ringraziamo per tutto quello che ha fatto, consapevoli che ci mancherà, molto”.

 

Anche l’avvocato aquilano Cesare Ianni, del Gruppo di azione civica Jemo ‘Nnanzi la ricorda

“Giovanna Di Matteo è salita sulle Cime più Alte. Quanti ricordi mi legano a Giovanna, risalgono a quarant’anni fa, quando calcavo le scene del teatro amatoriale, ed ammiravo la Sua bravura! E quanto ho ammirato la Sua bravura, la Sua indubbia competenza, la Sua totale dedizione al grande dono della nostra Perdonanza ed al Corteo Storico che la ricorda ogni anno. E ricordo il Suo sorriso, quell’ammiccare con gli occhi per sottolineare un concetto a Lei caro, così come solo Lei sapeva fare. Vale Giovanna, il tesoro da Te lasciato sarà da noi gelosamente custodito e tramandato, e sfilerai sempre con noi durante il Corteo Storico della Perdonanza. Che la terra Ti sia lieve Gio’.”

 

Il Passo Possibile piange la scomparsa di Giovanna Di Matteo

Progettare, condividere, operare sempre meglio con passione e dedizione gratuita. Non rinunciare mai al sorriso, all’estrema gentilezza, alla lungimiranza dei pensieri e delle idee da tramandare. La conoscenza che è sapienza e che va trasmessa per non perdersi nel limbo dell’ignoranza e del becero qualunquismo. Le intuizioni geniali, la capacità di scavalcare qualsiasi faziosità per non perdere ciò che non va smarrito ma custodito ed accompagnato verso il domani. Un bene prezioso: il sentirsi parte di una storia, che annualmente si rinnova. Cara e preziosa. Unica. L’intuizione di coinvolgere le bambine i bambini, i giovani. La tradizione che è cultura e passa attraverso la scuola, e allora i concorsi come “una cartolina per la Perdonanza” partner il Liceo Artistico, laboratorio di idee per le scuole medie. Ma anche la Perdonanza nelle scuole, incontri, mostre, eventi tematici.

Giovanna Di Matteo è stata tutto questo e molto altro ancora. Per la nostra città una luce luminosissima. La segreteria politica e il Gruppo Consiliare de “Il Passo Possibile” si uniscono al dolore dei familiari tutti per la scomparsa della cara Giovanna Di Matteo.

Il cordoglio della deputata Stefania Pezzopane. 

“Ricorderò sempre la voce di Giovanna. Giovanna Di Matteo, che ci ha lasciati attoniti, era una donna eccezionale. Colpiva il suo sorriso, la sua serafica pazienza, la sua cultura e la sua professionalità,in Sovrintendenza dove, da storica dell’arte, si distingueva per la competenza. Ma era ed era stata attivissima in tante iniziative culturali della città. Era diventata ormai un simbolo della Perdonanza. Ho conosciuto Giovanna tanti anni fa, l’ho conosciuta per la sua bellissima voce, una voce speciale, potente e dolce. Organizzammo una iniziativa contro la violenza sulle donne e lei leggeva con intensità dei brani che commuovevano. Leggeva e recitava che era un incanto. Una grande signora, la dama delle dame, tante ne ha seguite, preparate, incoraggiate, ma lei rimarrà unica. Era una anima bella ed il suo impegno per la Perdonanza ed in particolare per lo storico corteo, la rendevano speciale. Ciao Giovanna, riposa in pace”.
leggi anche
Giovanna di Matteo
Il ricordo
Giovanna Di Matteo, il ricordo del Colonnello Piccirilli: Era l’anima della Perdonanza
giovanna di matteo
I funerali
Giovanna Di Matteo, i funerali a Collemaggio
terremoto l'aquila celebrazioni 6 aprile 2021
6 aprile 2021
L’Aquila terremoto 6 aprile 2009, Biondi: “La speranza è la virtù di chi non molla”
Giovanna di matteo
Cronaca
Giovanna Di Matteo, il giorno dell’addio
giovanna di matteo
Il ricordo
Giovanna Di Matteo, eterna come la montagna: l’addio a Collemaggio
giovanna di matteo perdonanza
La proposta
Giovanna Di Matteo cittadina onoraria dell’Aquila
Giovanna di Matteo
Il ricordo
Giovanna Di Matteo, un anno dalla scomparsa: “Una figura rinascimentale”