Quantcast

Piazza Regina Margherita sarà “il salotto buono dell’Aquila”

Riqualificazione di piazza Regina Margherita, Raffaele Daniele: "Restyling condiviso, sarà il salotto buono dell'Aquila".

Riqualificazione di piazza Regina Margherita, Raffaele Daniele: “Restyling condiviso, sarà il salotto buono dell’Aquila”.

Progetto di riqualificazione per piazza Regina Margherita, pronta a diventare, nelle intenzioni dell’amministrazione guidata da Pierluigi Biondi, “il salotto buono” del centro storico aquilano.

“Come amministrazione comunale – ricorda il vice sindaco Raffaele Daniele al microfono del Capoluogo.it – avevamo un altro progetto in mente, quello del gruppo civico Jemo ‘nnanzi; poi c’è stata la donazione del progetto da parte della Fondazione Cassa di Risparmio e lo stesso gruppo civico ci ha assicurato che anche questo rispettava lo spirito con cui era stato presentato il primo; inoltre il progetto ha avuto l’avallo dei residenti, commercianti, soprintendenza. Solo alla fine il progetto è stato approvato e donato all’amministrazione”.

Un progetto condiviso, quindi, che però non ha risparmiato qualche appunto, come quello dell’Archeoclub e Italia Nostra, che hanno chiesto modifiche. “Purtroppo – ha sottolineato il vicesindaco – ogni volta che si presenta un’opera pubblica, la prima reazione in questa città è costituire un comitato contro. Spiace che questo accada, anche perché su quel luogo si è dibattuto a lungo e nessuno ha mai sollevato questioni. Adesso prendo atto di questa situazione, ma il Comune è soggetto beneficiario di questa donazione che riguarda anche il restauro della facciata della fontana del Tritone”.

Piazza Regina Margherita, il progetto di restyling: nessun albero verrà tagliato.

“Questo progetto – spiega Raffaele Daniele – restituisce uno spazio di vivibilità, con una scelta di materiali compatibile con la ripavimentazione del centro storico. È un progetto che apre la città e quella stessa piazza, che era chiusa da un’aiuola, invece adesso si apre, restituendo la vista della facciata della fontana, una maggiore fruibilità, e vengono più che triplicati i posti a sedere. Insomma, è una piazza che si presta a diventare il salotto buono dell’Aquila e apre a una nuova vocazione, anche di intrattenimento e di socialità. Si tratta evidentemente di un progetto migliorativo, per cui non verrà tagliato alcun albero di quelli presenti. D’altra parte in dieci anni in cui ho fatto l’amministratore pubblico nessuno ha mai richiesto la piantumazione di nuovi alberi in quel luogo. Lo apprendo solo ora e il tempismo mi pare abbastanza singolare”.

piazza regina margherita