Quantcast

Covid Pizzoli, scattano i controlli domiciliari per i positivi

Pizzoli, dopo le ulteriori misure restrittive adottate per ordinanza regionale, scattano i controlli domiciliari per i positivi. 

Continuano a crescere i casi positivi al Covid a Pizzoli e arrivano nuovi provvedimenti. Dopo le ulteriori misure restrittive adottate per ordinanza regionale, scattano i controlli domiciliari per i positivi e per i contatti dei contagi.

A comunicarlo è il Comune in una nota: “Il Sindaco, considerato l’aumento del numero dei contagi al Covid-19, che ha portato all’assunzione dei provvedimenti più restrittivi sul territorio comunale, informa che al fine di contenere una maggiore diffusione, si procederà ad effettuare CONTROLLI DOMICILIARI per i nuclei familiari dei soggetti positivi e dei contatti stretti di riferimento“.

Una stretta sui controlli, quindi, affinché tutti i casi positivi registrati in paese rispettino le norme previste per chi si trova in isolamento, per tutto il periodo necessario alla negativizzazione.

Il Capoluogo ha contattato il sindaco Giovannino Anastasio per fare il punto sul fronte contagi in paese. Ricordiamo che la scorsa settimana c’è stato lo screening sulla popolazione scolastica, dopo i focolai scoppiati a scuola.

“Mi sono ritrovato costretto ad adottare la misura dei controlli domiciliari nei confronti sia dei positivi, sia di tutte quelle persone che sono state tracciate dalla Asl, perché venute a contatto con i contagiati. Avevamo, infatti, ricevuto diverse segnalazioni di persone che non avevano rispettato la quarantena imposta, quindi abbiamo subito proceduto a verificare quanto segnalatoci. Finora non sono state rilevate violazioni. I controlli sono effettuati dalla Polizia Municipale, se dovesse essercene bisogno ci sarà anche l’intervento dei Carabinieri“.

Ad oggi (senza considerare il bollettino odierno) sono “oltre 80 i casi attuali in paese, di cui 10 venuti fuori dallo screening sulla popolazione scolastica, tra bambini e personale. Per quanto riguarda gli esiti dello screening, però – precisa il primo cittadino – purtroppo non si sono ancora avuti tutti i risultati. E questo ci preoccupa: perché se avessimo avuto tutti gli esiti in tempi brevi, si sarebbe potuto avviare prima il tracciamento, necessario a fermare il rischio di contagio”.

Sono 300 le persone in quarantena e che, quindi saranno soggette a controlli, poiché “il rischio che si possa innescare un meccanismo a catena che porti ad aumenti esponenziali dei casi c’è. Ed è un rischio che non va affatto sottovalutato”.

Intanto in paese è stato anche aperto il CoC, centro operativo comunale, per rispondere alle esigenze legate all’emergenza Covid 19. Gli uffici del Coc si possono contattare allo 0862.975523. La mail di riferimento è la seguente: coc@comune.pizzoli.aq.it

Il Coc sarà attivo dalle ore 08:00 alle ore 20:00.