Quantcast

Decreto Sostegni, 32 miliardi per gli aiuti: tutte le misure

Niente nuovo Decreto Ristori, arriva il Decreto Sostegni. Si lavora alla bozza. Blocco licenziamenti e aiuti a 2,7 milioni di attività colpite dalla crisi Covid.

Decreto Sostegni, 32 miliardi per gli interventi che rimpiazzeranno il Decreto Ristori. Stop ai licenziamenti fino al 30 giugno, CIG Covid per tutto il 2021. Tutte le misure previste.

Si lavora alla bozza: l’obiettivo è arrivare a varare il provvedimento del nuovo Governo Draghi entro la fine della prossima settimana. Il Decreto Sostegni includerà aiuti a imprese, famiglie, partite Iva e comprenderà 2 miliardi per i vaccini. Le nuove cartelle fiscali saranno sospese fino al 30 aprile, 200 milioni da destinare ai congedi parentali per i genitori degli alunni che saranno in dad e contributi alle attività colpite dalla crisi Covid.

Sono queste le misure principali della bozza del Decreto Sostegni. Vediamole nel dettaglio.

Decreto Sostegni, fondo perduto

La volontà è di destinare risorse a fondo perduto a 2,7 milioni di attività, con un fatturato fino a 5 milioni di euro. I ristori non saranno più erogati in base ai Codice Ateco, che definiscono ogni singola attività, ma sulla base del calo del fatturato calcolato sull’annualità. Le attività che potranno accedere alle risorse sono quelle che dimostrino una perdita di fatturato del 33% nel 2020, rispetto all’anno precedente. Perdita che verrebbe calcolata sul confronto tra la media mensile del fatturato 2019 e quella del 2020. 

Si prevede, in base alla bozza, una divisione in 4 fasce di indennizzo: il 30% della perdita a imprese e professionisti con un fatturato fino a 100mila euro annuo, il 25% a quelle attività con fatturato da 101mila euro a 400mila, il 20% della perdita per chi ha un fatturato da 401 milioni a 1 milione l’anno. Infine il 15% per le imprese con un fatturato da 1 milione a 5 milioni.

Decreto Sostegni, le misure per il Lavoro

Tra le misure previste il rifinanziamento della cassa integrazione non a blocchi ma che copra l’intero 2021. Blocco dei licenziamenti fino al 30 giugno. Si discute sul prolungamento della Naspi, del reddito di emergenza. Tra le ipotesi un ulteriore miliardo di euro da destinare al reddito di cittadinanza e un miliardo di indennità per i lavoratori stagionali, impiegati nei settori di spettacolo e turismo.

Decreto Sostegni, Vaccini

In bozza sono stati inseriti 2 miliardi da destinare al finanziamento dei vaccini. Le risorse previste serviranno, comunque, anche ad implementare il piano per i trasporti e la somministrazione dei sieri, che dovrebbe partire dai medici di famiglia e poi coinvolgere anche la categoria dei farmacisti.