Quantcast

Castelvecchio Subequo, picco di contagi: si valuta se ci sono condizioni per zona rossa

Castelvecchio Subequo, cuore della Valle Subequana, al centro di un improvviso picco di contagi: 10 i positivi nel centro Subequano, scuola dell'infanzia e municipio chiusi.

Castelvecchio Subequo, cuore della Valle Subequana, al centro di un improvviso picco di contagi: 10 i positivi nel centro Subequano, scuola dell’infanzia e municipio chiusi.

I primi contagi sono stati svelati da uno screening effettuato nel fine settimana: diversi i tamponi dubbi/positivi a seguito dei quali è stato chiuso, inizialmente e fino a venerdì, il Municipio per sanificazione dei locali.

Dai molecolari la conferma: i positivi a Castelvecchio Subequo sono 10.

Un numero consistente che potrebbe aumentare nelle prossime ore, visto che in diversi si sottoporranno a test molecolare.

Un positivo sembrerebbe esserci anche fra il personale che lavora all’interno della locale Rsa, finora ancora fortunatamente immune al Covid19: il primo giro di tamponi sugli ospiti ha dato esito negativo.

Nel frattempo, il sindaco Marisa Valeri, peraltro medico di base di moltissimi assistiti in zona, ha imposto la chiusura della scuola dell’infanzia di Castelvecchio Subequo. Nella giornata di oggi lei, insieme ad altri, faranno il tampone molecolare, essendo stati a contatto con dei positivi.

“Come amministrazione stiamo monitorando la situazione e stiamo fornendo supporto per rintracciare i contatti stretti e limitare la diffusione.

Stiamo richiedendo una valutazione epidemiologica agli Enti preposti al fine di assumere determinazioni in merito e, in particolare, se sussistono presupposti per applicare le misure restrittive della zona rossa” si legge in una nota del Comune Subequano.

“A seguito della valutazione verrà richiesta la disponibilità alla protezione civile per uno screening di massa con i tamponi antigenici. Ricordiamo che tali tamponi hanno comunque una minore affidabilità e possono dare dei falsi negativi, come successo per alcuni tamponi testati questo fine settimana.

L’unico modo per evitare la diffusione del virus è attenersi al rispetto delle regole e delle norme anti-covid ed evitare assembramenti”