Quantcast

Pescara, tracciamento Covid in tilt: arrivano nuovi addetti

Manca il personale e alla Asl di Pescara salta il tracciamento dei contatti dei casi positivi. Intanto alla manifestazione di interesse per la task force di personale medico regionale rispondono in 2282.

Covid 19, a Pescara saltato il tracciamento: arrivano nuovi addetti.

La Asl di Pescara corre ai ripari dopo aver preso atto delle difficoltà riscontrate nel tracciamento dei contatti dei positivi al coronavirus, saltato anche a causa della mancanza di personale. Da domani saranno operativi 20 nuovi operatori che si occuperanno proprio di contact tracing. Oggi è in corso la formazione.

Attualmente nel capoluogo adriatico di Pescara e in tutta la provincia la variante inglese è responsabile del 70 per cento dei contagi. Nelle ultime settimane il sistema sanitario è andato in tilt, non solo per quanto riguarda i ricoveri – il Covid Hospital è al completo e si fa fatica a gestire i tanti accessi quotidiani – ma anche per quanto riguarda le attività di tracciamento dei contatti dei positivi. 

Intanto, la nuova manifestazione d’interesse per la creazione di una task force di 394 unità di personale medico, infermieristico e socio-sanitario da impiegare a supporto della regione Abruzzo ha raccolto l’adesione di 2.282 professionisti. Lo fa sapere la Protezione civile. La manifestazione di interesse era destinata a 94 medici laureati e abilitati all’esercizio della professione specializzati in anestesia e rianimazione, medicina e chirurgia di accettazione e di urgenza, malattie infettive, malattie dell’apparato respiratorio, medicina interna e geriatria; 160 infermieri, in possesso dei relativi titoli abilitativi e regolarmente iscritti agli ordini professionali e 140 operatori socio sanitari, in possesso dei relativi requisiti professionali che non fossero già operanti nel settore sanitario e socio-sanitario, al fine di non pregiudicare i livelli di servizio attuali. Nel dettaglio, sono pervenute candidature da 26 medici, 117 infermieri e 2.139 operatori socio sanitari.