Quantcast

Nuovo DPCM, spostamenti, scuole, ristoranti e palestre: tutte le regole

Nuovo DPCM, il decreto entrerà in vigore dal 6 marzo: arriva l'arancione scuro. Resta il divieto di spostamento tra regioni. Nuove restrizioni valide anche a Pasqua e Pasquetta.

Sempre più vicino il nuovo DPCM, il primo targato Mario Draghi. Il decreto entrerà in vigore dal 6 marzo: arriva l’arancione scuro. Resta il divieto di spostamento tra regioni. Le nuove restrizioni saranno valide anche a Pasqua e Pasquetta.

Covid 19, il nuovo Dpcm: ipotesi Pasqua come Natale

Resterà in vigore fino al prossimo 6 aprile il Nuovo DPCM a firma Mario Draghi. L’Italia continua ad essere divisa per fasce a rischio. Oltre alla zona bianca, gialla, arancione e rossa, però, ci sarà anche l’arancione scuro, che prevede ulteriori restrizioni. Per la fascia bianca l’incidenza dei contagi dovrà essere sempre inferiore ai 50 casi ogni 100mila abitanti. Il coprifuoco in zona bianca scatta alle 23:30.

Nella nuova fascia introdotta, quella arancione scuro, le scuole sono chiuse e c’è il divieto di raggiungere le seconde case. 

Arriva, tuttavia, qualche riapertura: dal 27 marzo riapriranno, in zona gialla – nel rispetto di specifici protocolli – cinema e teatri, mentre sarà possibile andare al museo anche nei fine settimana.

I posti a sedere, logicamente, dovranno essere preassegnati e distanziati, a condizione che sia mantenuta la distanza interpersonale di almeno un metro per gli spettatori che non siano conviventi. In zona gialla potranno riaprire nei weekend anche i musei.

Nuovo DPCM e spostamenti: regioni, seconde case e visite a parenti e amici

Il divieto di spostamento tra regioni sembra sarà prolungato oltre il 27 marzo. Non ci si potrà spostare neanche tra due regioni gialle. L’eccezione resta sempre quella relativa a motivi di lavoro, salute e altre urgenze. Eccezioni, ovviamente, che andranno giustificati con un modulo di autocertificazione.

Come sempre è consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione, così come gli spostamenti motivati da esigenze lavorative, ragioni di salute o situazioni di necessità.

Si potrà andare nelle seconde case se si trovano in fascia bianca, gialla o arancione. Non saranno raggiungibili, invece, le seconde case che si trovano in zona arancione scuro o in zona rossa. Chi vive in fascia arancione scuro o rossa non può raggiungere la seconda casa, neanche se questa si trova in fasce in cui vigono restrizioni minori.

In zona arancione e in zona gialla sarà possibile andare a fare visita a parenti e amici, sempre in due e sempre accompagnati da minori di 14 anni o da persone non autosufficienti, ma soltanto una volta al giorno, dalle ore 5 alle 22, senza fermarsi a dormire. In zona gialla sarà possibile farlo anche in un altro Comune diverso dal proprio; in zona arancione la possibilità è limitata al proprio Comune, a meno che non si abiti in un Comune con meno di 5000 abitanti. In questo caso, ci si può spostare, anche per fare visita a parenti e amici, verso Comuni entro 30 chilometri e comunque non verso i capoluoghi di provincia.

Si potrà ricevere, in zona gialla, amici e parenti a casa, ma resta fermo il divieto assoluto delle feste.

Nuovo DPCM: negozi, ristoranti/bar, asporto e parrucchieri

Negozi chiusi in zona rossa: potranno aprire solo le attività che si occupano della vendita di prodotti essenziali: farmacie, alimentari, ferramenta. In zona gialla, arancione bianca tutti i negozi sono aperti. I centro commerciali resteranno chiusi nei weekend.

In fascia bianca sono aperte tutte le attività. Al ristorante e bar in zona gialla si potrà andare solo di giorno. Le regole per i ristoranti restano quelle in vigore: in zona gialla aperti fino alle 18 e fino alle 22 consentito l’asporto. A domicilio è consentito ad ogni ora. Bar e ristoranti chiusi nelle zone arancioni e rosse, dove sono consentiti asporto e domicilio. Fanno eccezione gli autogrill, oltre le 18 in zona gialla, le mense e i ristoranti negli alberghi.

Nello specifico delle zone arancione, arancione scuro e rosso, l’asporto nei bar è consentito fino alle 18, nei ristoranti fino alle 22. Sempre consentita la consegna a domicilio.

Parrucchieri e barbieri dovrebbero restare chiusi in zona rossa: a differenza di quanto accaduto fino a questo momento, sembra che verranno sospese in zona rossa molte attività relative ai servizi della persona.

Nuovo DPCM e scuole

Nelle zone rosse tutte le scuole – stando alle indicazioni del Cts – dovrebbero essere chiuse. Gli esperti hanno anche valutato che gli studenti dovranno essere in Dad nel caso l’incidenza sia superiore a 250 casi ogni 100mila abitanti. In tutte le altre situazioni, la scuola resta in presenza come già stabilito dai provvedimenti in vigore: in presenza per gli alunni dell’infanzia, delle elementari e delle medie, mentre per quelli delle superiori è prevista la didattica è in presenza almeno al 50% e fino ad un massimo del 75%.

Ricordiamo che, in Abruzzo, le scuole sono chiuse: primaria, medie e superiori in Dad fino a diverso provvedimento. In presenza solo la scuola materna e l’asilo nido.

Nuovo DPCM: piscine, palestre e attività motoria

Piscine e palestre resteranno ancora chiuse. Restano vietati anche gli sport di contatto e di squadra. Consentita, invece, ovunque l’attività motoria individuale all’aperto.

Precisamente per le fasce con restrizioni maggiori funzionerà così: in zona arancione e arancione scuro si potrà svolgere attività motoria, ma entro il proprio comune di residenza, concessa l’attività motoria anche in zona rossa, ma deve essere svolta nei pressi della propria abitazione.