Quantcast

Campo Felice, i gestori della stazione sciistica: “Nessun assembramento”

Le precisazioni di Campo Felice srl sugli eventi dello scorso weekend: "Nessun assembramento sulle piste".

Le precisazioni di Campo Felice srl sugli eventi dello scorso weekend: “Nessun assembramento sulle piste”.

A seguito dell’articolo pubblicato da IlCapoluogo.it sulle numerose presenze da fuori regione a Campo Felice, i gestori gli impianti precisano: “In particolare, è stato pubblicato un articolo secondo il quale, domenica 21 febbraio u.s., sulle piste di Campo Felice si sarebbero verificati assembramenti, a seguito dei quali sarebbero intervenute le forze dell’ordine e sarebbero state comminate sanzioni (cfr. https ://www.ilcapoluogo.it/2021/02/22/campo-felice-i-furbetti-della-neve-sciatori-da fuori-regione-nonostante-i-divieti-covid/). Secondo l’articolo, in molti avrebbero provato ad utilizzare il “trucco” di accompagnare i figli o i nipoti iscritti a scuole sci riconosciute dalla Federazione che devono allenarsi o sostenere gare in calendario, e nel frattempo sfruttare la giornata di sole sulle piste abruzzesi. Da qui sarebbe derivata una raffica di multe. Tale pubblicazione ha indotto i lettori a ritenere — erroneamente — che Campo Felice S.r.l. avrebbe violato le misure imposte per legge a tutela della salute pubblica, tanto che anche la Federazione Italiana Sport Invernali (di seguito “FISI’) ha prontamente chiesto chiarimenti sull’accaduto. Al contrario, nel rispetto della normativa applicabile la nostra Cliente ha consentito l’accesso al comprensorio solo ai partecipanti a gare di categoria, a coloro che si allenavano con gli allenatori e ai loro accompagnatori, ove gli sciatori fossero minorenni. Proprio per vigilare sulla corretta applicazione delle regole, Campo Felice S.r.l. ha richiesto agli sci club, nei giorni precedenti l’accesso alle piste, una lista di coloro che avrebbero usufruito degli impianti per partecipare agli allenamenti o alle gare FISI, consentendo solo alle persone indicate l’utilizzo degli impianti di risalita”.

“Campo Felice S.r.l., pertanto, tiene a chiarire che sulle piste del comprensorio non si è verificato alcun assembramento e che gli impianti sono stati utilizzati nel rispetto dei divieti e dei limiti di legge, stigmatizzando ogni comportamento in violazione delle norme a tutela della salute pubblica. Al contrario, le forze dell’ordine intervenute presso le piste di sci il 21 febbraio u.s. hanno verificato la correttezza del comportamento del gestore del comprensorio che, nemmeno indirettamente, è stato ritenuto responsabile di alcuna violazione e, quindi, non è stato multato, così come non sono stati multati né gli sci club, né gli sciatori o i loro accompagnatori”.