Quantcast

Le nuove stanze della poesia, Luciano Flamminio

Luciano Flamminio, poeta dialettale di San vito Chietino,

Luciano Flamminio è noto nel mondo della poesia, della letteratura e del canto abruzzese.

Flamminio, come ha scritto il maestro Antonio Di Torio, interpreta l’anima canora dell’Abruzzo.

Nato il 13 dicembre 1941 a San Vito Chietino, ha alle spalle numerose incisioni e partecipazioni a manifestazioni Scrive da oltre 40 anni poesie in dialetto abruzzese senza però disdegnare quelle in lingua italiana.

E’ sempre stato tra i più premiati poeti sia in Abruzzo che nel resto d’Italia ed è molto conosciuto tra le comunità italiane, in special modo tra quelle abruzzesi residenti all’estero. Sue composizioni sono inserite in antologie e sono regolarmente lette ed insegnate nelle scuole.

Nel 1985 ha pubblicato per l’Editrice “Itinerari” di Lanciano (CH) un volume di poesie in dialetto abruzzese dal titolo “Suspire e spiranze”. Nel 2004 ha pubblicato per l’Editrice “Edilgraphital” di Teramo il volume di poesie in dialetto abruzzese e in lingua dal titolo “Fiure di Jnestre”.

Collabora da circa 30 anni con l’Associazione Culturale-Corale “Tommaso Coccione” di Poggiofiorito (CH) e con la stessa ha effettuato infinite esibizioni in Abruzzo e in varie nazioni europee, e registrato, inoltre, diverse musicassette e CD.

Particolarmente importante è stata la registrazione (iniziativa unica in Abruzzo) del CD contenente 12 brani del grande musicista abruzzese Antonio Di Jorio di Atessa (CH), in occasione della ricorrenza del centenario della nascita (1890 – 1981) e, sulla stessa base musicale ha prodotto una videocassetta dal titolo “Immagini d’Abruzzo nei canti di Antonio Di Jorio”.

Dal 1998 collabora, come autore dei testi ed interprete vocale, con il Maestro Alberto Garzia (musicista abruzzese da circa 50 anni residente in Francia) e con lo stesso ha gia prodotto 2 CD di canzoni in dialetto abruzzese, tutte ballabili.

E’ stato ideatore e conduttore di programmi radiofonici e televisivi sugli usi e costumi del popolo abruzzese. E’ stato, inoltre, interprete vocale di operette dialettali abruzzesi e della tradizione teatrale italiana. Ha inciso con la sua voce ed incide tuttora, molte canzoni del nostro folclore, ed è solista in gruppi corali.

Nel 1981 ha ottenuto, dal Presidente della Repubblica Sandro Pertini, un personale riconoscimento alla cultura.

Nel 1995 il Presidente della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro gli ha conferito l’onorificenza di Cavaliere “Al merito della Repubblica italiana”.

Scrive Massimo Pasqualone:”Parlare di Luciano Flamminio vuol dire parlare della storia della poesia e della canzone dialettale abruzzese, perché Flamminio è stato tra i protagonisti di quel meraviglioso secondo tempo della cultura regionale dagli anni Settanta ad oggi. (…)”

Mmezze a ‘na Piazze

Assettate a li segge de ‘na piazze,
a gne li manichine a la vetrine,
sta’ li perzone sopre all’uttantine:
…’nu venticelle fresche l’accarezze.

‘Na puche s’ariscalle ‘mbacce a sole,
a uocchie chiuse, ferme a gne nu sasse
e tutte l’addra gente che va’ a spasse,
nche hisse nen ci scagne ‘na parole.

Nu gruppe parle nche la vocia piane
de la miserie e de la ggiuventù,
de chi lu tempe, ormaje, che n’ ci sta’ cchiù,
de la vite che scappe da li mane.

Ma tutte te’ la faccia rassignate,
nche l’uocchie sempre fisse all’infinite,
‘mbusse di piante, tutte annacquanite,
mentre la mente penze a lu passate.

Ci sta’ pure ‘na coppie cchiù cilline,
ca si te’ strette-strette pe’ li mane:
nisciune è certe se, forse, dumane,
‘rivede ancore l’albe la matine!
Ricuorde de ‘na vodde

La notte m’arisonne nche piacere,
la vite de ‘na vodde de la ggente,
tra puvertà, fatije, feste e fiere,
che dave forze all’anime e la mente.

L’aria pulite e fresche di campagne,
li corse a pìde nude ‘mmezze a ll’are,
lu ‘ddore de jnestre a la sulagne…
e la staggione sempre ‘mmezze a mmare.

L’acqua chiare e fresche a lu Futrìne
che i’ vivè’ strignenne li ddu’ mane
gne ‘na tazze, mentre da la culline
suné’ a distese tutte li campane.

Dapù si jave ‘nzimbre all’Oratorje;
la duttrine, li messe nche lu core;
Don Luigge, lu predde de la storie:
la Chiese ere nu poste di valore.

Rivede ancore tanta seggiulette
annanze a li purtune de le case,
addò assittate, mamme e ggiuvinette,
arracamè’ la dodde, tra li vase.

Di uojje apprezze certe lu prugresse,
ch’alleggirisce spesse lu lavore:
tutte s’acrede ca lu monne è quesse…
invece aveme accìse ggioje e amore