Quantcast

Claudio Habazaj, dalla notte del 6 aprile 2009 una scultura che unisce L’Aquila e l’Albania

Due culture legate in una scultura di legno. È il dono di Claudio Habazaj alla sua L'Aquila, consegnato al sindaco Pierluigi Biondi ed esposto a Palazzo Fibbioni. 

Due culture legate in una scultura di legno. È il dono di Claudio Habazaj alla sua L’Aquila, consegnato al sindaco Pierluigi Biondi ed esposto a Palazzo Fibbioni.

Claudio Habazaj, figlio dell’imprenditore Genci Habazaj, scomparso nel settembre 2009, è nato e cresciuto a L’Aquila. la città che ha saputo entrare nel suo cuore e che lui ha voluto omaggiare, realizzando una scultura che unisce, simbolicamente, L’Aquila e le sue bellezze, tra le ali dell’Aquila simbolo della nazione albanese, patria dei suoi genitori.

Questo il messaggio di ringraziamento del sindaco Biondi.

“Claudio Habazaj è nato all’Aquila da genitori albanesi. La notte del 6 aprile 2009 si trovava nella sua casa in centro storico. Da quell’esperienza è nata la scultura di legno che, da studente del liceo artistico, ha donato alla città ed è esposta a palazzo Fibbioni.

“Questa città mi ha accolto, cresciuto e formato. Questa è la mia città”. Le parole di Claudio.

 

“Grazie, Claudio, a nome dell’Aquila”.