Quantcast

Covid 19 in Abruzzo, 494 nuovi casi positivi

L'aggiornamento sui contagi Covid 19 in Abruzzo. Il bollettino del 19 febbraio.

L’aggiornamento del 19 febbraio sui contagi Covid 19 in Abruzzo.

Sono complessivamente 50204 i casi positivi al Covid 19 registrati in Abruzzo dall’inizio dell’emergenza. Rispetto a ieri si registrano 494 nuovi casi (di età compresa tra 3 mesi e 100 anni). I positivi con età inferiore ai 19 anni sono 94, di cui 7 in provincia dell’Aquila, 47 in provincia di Pescara, 19 in provincia di Chieti e 21 in provincia di Teramo. Il bilancio dei pazienti deceduti registra 9 nuovi casi e sale a 1608 (di età compresa tra 74 e 86 anni, 2 in provincia di Chieti, 2 in provincia dell’Aquila, 2 in provincia di Teramo e 3 in provincia di Pescara). Del totale odierno, 5 casi sono riferiti a decessi avvenuti nei giorni e comunicati solo oggi dalle Asl. Nel numero dei casi positivi sono compresi anche 36219 dimessi/guariti (+416 rispetto a ieri). Gli attualmente positivi in Abruzzo (calcolati sottraendo al totale dei positivi, il numero dei dimessi/guariti e dei deceduti) sono 12377 (+69 rispetto a ieri).

Dall’inizio dell’emergenza Coronavirus, sono stati eseguiti complessivamente 700246 tamponi molecolari (+4844 rispetto a ieri) e 189674 test antigenici (+2365 rispetto a ieri). Il tasso di positività, calcolato sulla somma tra tamponi molecolari e test antigenici del giorno, è pari a 6.8 per cento. 546 pazienti (-6 rispetto a ieri) sono ricoverati in ospedale in terapia non intensiva; 73 (+3 rispetto a ieri con 5 nuovi ricoveri) in terapia intensiva, mentre gli altri 11758 (+72 rispetto a ieri) sono in isolamento domiciliare con sorveglianza attiva da parte delle Asl.

Covid 19, l’incremento odierno per provincia.

Dei 494 nuovi casi positivi, 46 sono residenti o domiciliati in provincia dell’Aquila, 96 in provincia di Chieti, 271 in provincia di Pescara, 74 in provincia di Teramo, 2 fuori regione e 5 per i quali sono in corso verifiche sulla provenienza.

Lo comunica l’Assessorato regionale alla Sanità.