Quantcast

Omicidio Barisciano, un super perito per l’analisi di pc e telefoni

L'AQUILA - Operazioni peritali su pc e telefoni nell'ambito delle indagini sull'omicidio di Barisciano. La difesa si affida ad Antony Richa, il super perito che ha scoperto i bug di Facebook.

L’AQUILA – Operazioni peritali su pc e telefoni nell’ambito delle indagini sull’omicidio di Barisciano. La difesa si affida ad Antony Richa, il super perito che ha scoperto i bug di Facebook.

Da questa mattina sono in corso a Pescara, presso la sede dell’azienda del consulente tecnico scelto dalla Procura, le operazioni peritali sul pc di Gianmarco Paolucci, il 25enne accusato dell’omicidio di Paolo D’Amico, a Barisciano. Nello specifico, si tratta della duplicazione dei dati presenti all’interno dei pc e dei telefoni; una copia verrà conservata, mentre l’altra sarà utilizzata per i controlli relativi all’indagine. La Procura ha dato incarico di verificare la cronologia degli accessi nella settimana a cavallo dell’omicidio e le eventuali comunicazioni tra la vittima e il giovane accusato, oltre a ogni altro elemento utile alle indagini. Per la difesa, rappresentata dall’avvocato Mauro Ceci, nominato come perito Antony Richa, un giovane di origini libanesi residente ad Avezzano. Il giovane è già salito alla ribalta delle cronache locali, per aver ricevuto premi in denaro da Facebook, per aver scoperto dei bug informatici che avrebbero permesso eventuali attacchi hacker. Sarà lui, per la difesa, a scandagliare i dati che sono stati estratti nella giornata di oggi.

Il perito della Procura avrà quindi 60 giorni per rimettere la relazione relativa alle operazioni di oggi, dopodiché toccherà alla difesa prendere atto della relazione e analizzare il materiale per eventuali controdeduzioni. Nel frattempo si attende l’esito del Riesame, con l’udienza telematica prevista per giovedì prossimo. All’attenzione del Tribunale del Riesame, la richiesta di modifica della misura cautelare in carcere per il 25enne.