Quantcast

A Carnevale ogni fritto vale! Castagnole alla ricotta

Che siate amanti o meno della frittura, a Carnevale è tradizione far sfrigolare le padelle dalla notte dei tempi.

A Carnevale ogni fritto vale! I dolci più buoni di Carnevale restano i fritti. La ricetta delle castagnole alla ricotta dal blog ‘Essenza di Vaniglia’ di Laura Gioia.

In rete è possibile trovare versioni di bomboloni o di castagnole al forno, eppure, non c’è nulla da fare, la soddisfazione che un buon fritto sa regalare al palato, è ineguagliabile.Che siate amanti o meno della frittura, a Carnevale è tradizione far sfrigolare le padelle dalla notte dei tempi. Nella cultura contadina nei mesi di dicembre e gennaio, si è sempre macellato il maiale.

Durante la macellazione non si buttava via niente, neanche il grasso: veniva separato dalla cotenna, tagliato a tocchetti e messo a cuocere a fuoco lento fino a fondere. Dopo alcune ore, i pezzi di grasso, venivano filtrati: con la parte liquida si otteneva strutto, dalla parte solida residua i ciccioli. Lo strutto raffreddato all’interno della vescica del maiale o in vasi di vetro o terracotta era consuetudine conservarlo nelle cantine.

Dunque, la frittura per il Carnevale nel mese di febbraio è nata dalla esigenza della massaie di consumare le conserve di strutto. Bianco, inodore e insapore con un punto di fumo altissimo, risultava essere perfetto per la frittura dei dolci. Oggi sempre più raramente si frigge con la strutto, ma è rimasta solida la tradizione dei dolci fritti nel periodo di carnevale. Frappe, castagnole e zeppole sono quelle che nella nostra città vanno per la maggiore. Come succede sempre per i dolci della tradizione, ognuno di noi, conserva nell’agendina la ricetta della nonna e della zia per il fritto perfetto!

castagnole alla ricotta laura gioia

Oggi vi do la ricetta delle castagnole alla ricotta, che prepariamo a casa. L’uso della ricotta dà all’impasto una consistenza soffice e asciutta, e da latticino magro consente di eliminare dagli ingredienti altri grassi tipo olio e burro.
Provatele, perché ne rimarrete conquistati!
Buon fritto a tutti!

Castagnole alla ricotta
Ingredienti
– 450 g di farina 0
– 250 g di ricotta di pecora o vaccina
– 150 g di zucchero
– 4 uova piccole (220 g circa)
– buccia di un’arancia e di un limone bio
– ½ bicchiere di liquore all’anice (o altro liquore a piacere: rum, limoncello…)
– 1 bustina di lievito per dolci
– un pizzico di cannella
– un pizzico di sale

Per la preparazione e per tanti trucchi per un fritto perfetto prosegui la lettura qui:
https://www.essenzadivaniglia.it/castagnole-di-ricotta-con-anice-e/