Quantcast

Covid e scuola, stop a quarantena per i docenti

Covid 19, niente quarantena per i docenti abruzzesi. Le nuove disposizioni regionali li escludono dai contatti stretti in caso di accertata positività di un alunno.

Covid e contagi a scuola, niente quarantena per i docenti.

Lo ha stabilito il Dipartimento salute.

Una decisione che fa discutere, soprattutto alla luce della disposta sospensione della didattica in presenza in caso di positività riscontrata attraverso qualsiasi tipo di test, anche presso un laboratorio privato.

I docenti quindi non vengono inclusi tra i contatti stretti, a eccezione per coloro che insegnano nelle scuole dell’infanzia, dove ci sono rapporti e misure diverse tra i bambini e gli insegnanti.

Da poche settimane sono tornati in presenza, anche in Abruzzo, i ragazzi degli istituti superiori. Prima della riapertura, sono stati disposti screening di massa.

Mettere prima, durante la seconda ondata la quarantena veniva disposta per tutti, alunni e docenti, adesso, qualora un insegnante risultasse positivo, è ritenuta “ingiustificata”, partendo dal presupposto che sia gli alunni che i docenti possano comunque rispettare le misure di distanziamento e protezione.

Alcuni docenti fanno notare come l’andamento delle lezioni non segua un ordine statico: ci sono le interrogazioni, le spiegazioni alla lavagna, gli inevitabili scambi.

Le nuove istruzioni inoltre non contemplano nemmeno una differenza tra insegnanti di sostegno o altre figure che inevitabilmente hanno un rapporto di contatto con i ragazzi.

Una scelta che preoccupa non solo i docenti ma anche i genitori. Dura anche la reazione unanime dei sindacati che in una nota hanno chiesto al direttore dell’Usr Abruzzo “l’urgente convocazione del tavolo di lavoro permanente, al fine di evidenziare le gravi difformità di tali indicazioni rispetto a quanto previsto a livello nazionale e le pesanti criticità che l’applicazione di tale protocollo comporterebbe”.

Come riporta Il Messaggero, dal momento che sono ancora sopra la media i casi positivi nella zona di Pescara, il presidente della Regione, Marco Marsilio, ha sollecitato i sindaci del territorio a con lo screening nelle scuole. Dei 61 casi accertati nel Pescarese ieri, 8 sono ragazzi in età scolare.

A Villanova di Cepagatti oggi resteranno chiuse l’asilo e la primaria di Vallemare per consentire la sanificazione. A Pescara fra gli istituti di ogni ordine sono 60 le classi in quarantena.