Quantcast

Velino, Marsica in attesa: l’angoscia di un intero territorio

Partito il quarto giorno di ricerche sul Velino. Soccorritori da tutta Italia, si continua a sondare il perimetro della valanga.

Velino, sono riprese alle 7 del mattino le operazioni di ricerca. Quarto giorno dopo la concitazione di ieri, in serata, quando al campo base si continuava ad analizzare nuovi elementi emersi da uno dei telefoni dei 4 dispersi.

Si continua a cercare senza sosta Tonino, Valeria, Gian Mauro e Gianmarco, scomparsi dalla giornata di domenica. Imponente la macchina dei soccorsi in campo per procedere nell’attività: in quota, a circa 1800 metri, tra Valle Majelama e Colle del Bicchero, si sonda palmo palmo la grande valanga rilevata. Il perimetro in cui si sono concentrate le ricerche grazie al segnale di una cella telefonica agganciata.

ricerche velino

Ieri, in serata mentre era ancora in corso una riunione notturna per capire come procedere nelle operazioni, sono stati installati ulteriori strumenti per implementare la copertura di rete e le capacità degli strumenti telematici utilizzati dalle forze impegnate nell’attività di ricerca.

Imponente il dispositivo di soccorso composto da oltre settanta uomini dei nuclei specialistici dei Vigili del Fuoco, Guardia di Finanza, Polizia di Stato, Soccorso Alpino Carabinieri oltre che una squadra specialistica del 9° Reggimento Alpini di L’Aquila.
Tre elicotteri trasportano gli operatori, i cani da valanga e le attrezzature necessarie sulla zona ritenuta di maggiore interesse per la ricerca. I droni dei Vigili del fuoco, in volo quasi continuo sulla zona, monitorano le operazioni a terra.

Anche il sindaco di Avezzano Gianni Di Pangrazio sta seguendo da vicino le ricerche. Ieri lo abbiamo ascoltato ai microfoni del Capoluogo.

Il Capoluogo ha seguito in diretta tutti gli aggiornamenti della terza giornata, buoni risultati giunti anche dall’attività delle unità cinofile. Per tutta la giornata sono state impegnate 9 unità in totale. Oltre 50, invece, i soccorritori attivi in quota per procedere nelle ricerche.

Coinvolte 60 unità del Soccorso Alpino e Speleologico giunte da tutta Italia, affiancate dalla Guardia di Finanza, dai Vigili del Fuoco, dalla Polizia e dal 9^ Reggimento Alpini di L’Aquila. Saranno impiegate anche le unità cinofile, addestrate al soccorso in caso di valanghe.

I tre elicotteri: del 118, dei Vigili del Fuoco e dell’aeronautica militare trasporteranno gli uomini sul luogo della valanga, in prossimità della Valle del Bicchero, dove si stanno concentrando le ricerche. Nell’area della slavina, larga 200 metri, lunga 600 metri e con uno strato di neve che supera i 6 metri di spessore, si utilizzano anche strumenti elettronici e sonde.