Quantcast

Abruzzo verso zona gialla, RT minore di 1 e rischio basso

Emergenza Covid 19, Marsilio: "L'Abruzzo verso la fascia gialla, RT abbondantemente sotto 1 e rischio basso, ma non è un lasciapassare per atteggiamenti irresponsabili".

Emergenza Covid 19, Marsilio: “L’Abruzzo verso la fascia gialla, RT abbondantemente sotto 1 e rischio basso”.

“Le prime anticipazioni del Rapporto settimanale della Cabina di Regia indicano una sensibile discesa dell’indice Rt in Abruzzo, che si ferma a una media di 0,81. Unito alla conferma del livello di rischio ‘basso’, significa che dalla riunione di domani ci attendiamo la certificazione che da domenica 31 gennaio la nostra Regione tornerà in fascia gialla“. Lo annuncia il presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio, che aggiunge: “Facciamo comunque appello a tutta la cittadinanza affinché si perseveri nell’adottare sempre tutte le misure di cautela e prudenza, rispettando i comportamenti virtuosi che ostacolano la circolazione del virus, e a non considerare il passaggio in fascia gialla e i buoni risultati dei 21 parametri di monitoraggio come un ‘lasciapassare’ per atteggiamenti irresponsabili e pericolosi“.

Nel frattempo, il Dipartimento regionale Sanità ha disposto la liquidazione di 13 milioni e 600mila euro alle Asl abruzzesi per l’avvio dei progetti obiettivo approvati dalla giunta regionale lo scorso novembre. Lo comunica l’assessore alla Salute, Nicoletta Verì. L’importo è pari al 70 per cento della somma totale assegnata per l’attivazione di 4 linee progettuali indicate dal governo regionale (percorso diagnostico terapeutico condiviso e personalizzato per pazienti con multicronicità; promozione dell’equità in ambito sanitario; costituzione e implementazione della rete della terapia del dolore e sviluppo delle cure palliative e della terapia del dolore in area pediatrica; tecnologia sanitaria innovativa come strumento di integrazione ospedale-territorio). La quota restante sarà erogata dopo la rendicontazione delle attività svolte da parte delle aziende sanitarie.

Nel dettaglio la Asl Avezzano-Sulmona-L’Aquila riceverà 3 milioni e 100mila euro, la Asl Lanciano-Vasto-Chieti 4 milioni, la Asl di Pescara 3 milioni e 300mila euro, la Asl di Teramo 3 milioni e 200mila euro.

“Con queste risorse – commenta l’assessore – le Asl potranno attivare le iniziative previste dalla programmazione regionale, intervenendo su specifiche iniziative che abbiamo ritenuto strategiche per la riorganizzazione del nostro sistema sanitario, in quell’ottica di maggiore integrazione ospedale-territorio che rappresenta uno degli obiettivi cardine della nostra azione di governo”.