Valanga sul Velino, soccorritori alle prese con un muro di neve di 5 metri

Giunge al termine la seconda giornata di soccorsi sul Velino per salvare i 4 dispersi. Si sonda palmo a palmo la valanga: neve profonda 5, 6 metri

Giunge al termine la seconda giornata di soccorsi sul Velino per salvare i 4 dispersi. Si sonda palmo a palmo la valanga.

Velino, chi sono i quattro escursionisti dispersi

Sfrutteranno fino all’ultimo raggio di sole, ma col buio le ricerche dei 4 dispersi sul Monte Velino verranno interrotte per essere riprese domani mattina alle 7. La speranza è quella di ritrovare Tonino Durante, Gian Mauro Frabotta, Valeria Mella e Gianmarco Degni, 26enne. I soccorritori stanno battendo palmo a palmo la valanga che ha invaso un canale per circa 2/300 metri, nella Valle Majellama, sotto Colle del Bicchero.

dispersi velino campo base soccorsi

“Lo spazio coperto dalla valanga – spiegano a IlCapoluogo.it dal Soccorso Alpino della Guardia di Finanza – è molto ampio e la neve è profonda circa 5/6 metri. Siamo partiti dal fondo per battere palmo a palmo con le sonde, mentre 6/7 cani hanno sondato il terreno, ma al momento non sono state trovate tracce. Domani proseguiremo da dove abbiamo interrotto”.

dispersi velino campo base soccorsi

Nella giornata di oggi si sono alternati 3 elicotteri per le osservazioni dall’alto: quello del 118 partito da Preturo, un 139 della Guardia di Finanza arrivato da Pratica di Mare e un 412 dei Vigili del fuoco di Pescara. Il piano operativo è stato stabilito nella riunione serale tenuta al termine della giornata di ieri alla quale hanno partecipato tutte le Forze coinvolte nella ricerca.

ricerche dispersi velino

Il coordinamento delle operazioni è svolto dal posto di comando avanzato (PCA) dei Vigili del fuoco, posto nel centro sportivo della frazione di Forme di Massa d’Albe. Il dispositivo di soccorso è formato da circa 60 operatori del Soccorso Alpino e Speleologico e delle unità cinofile, Guardia di Finanza, Vigili del Fuoco, 118 regionale, Esercito Italiano con gli Alpini del 9′ Reggimento e i Carabinieri. Sono in arrivo altri 20 soccorritori da tutta Italia. Stamattina grazie alla buona visibilità buona hanno partecipato alle operazioni anche i tre elicotteri impegnati nelle operazioni di ricerca: 118, Guardia di Finanza e Vigili del Fuoco.

dispersi velino campo base soccorsi

Velino, rischio valanghe su soccorritori

Intanto nel primo pomeriggio è giunto al campo base di Forme, frazione di Massa d’Albe (L’Aquila), un elicottero attrezzato per il distacco artificiale degli accumuli di neve, generalmente operato con microcariche. È necessaria la bonifica e la messa in sicurezza dell’area per proteggere la vita dei soccorritori sul monte Velino. Trenta uomini circa, che cercano i quattro escursionisti dispersi da due giorni, stanno lavorando in un ambiente minacciato costantemente dal pericolo di distacco valanghe. A causa della troppa neve anche le unità cinofile sono in difficoltà. I cani non riescono a seguire le tracce sul manto nevoso, troppo stratificato, e arrancano nel percorso, affondando sulla neve fresca. Il cielo è terso e il vento meno forte.

La zona interessata è quella sotto al Colle del Bicchero e presenta un’area primaria di ricerca molto estesa, che va perlustrata metro per metro, a circa 2000 metri di altezza. Gli elicotteri fanno la spola dal campo base alla montagna, per dare il cambio ai soccorritori in quota.

Al campo base sono presenti i familiari dei dispersi che, in attesa di notizie, vengono tenuti al corrente delle operazioni. Per dare sostegno a loro, ma anche agli stessi soccorritori che stanno lavorando da domenica sera in condizioni proibitive, sono arrivati sul posto degli psicologi. La Protezione Civile sta distribuendo pasti e bevande calde. Intanto è in corso una riunione in Prefettura all’Aquila, partecipano rappresentanti dei corpi militari e civili coinvolti nelle operazioni.