L’Aquila, donna ridotta in schiavitù: arrestato aguzzino

Ridotta in schiavitù e costretta ad avere rapporti sessuali ripresi con la telecamera. La polizia dell'Aquila ha arrestato il suo aguzzino.

La Polizia dell’Aquila ha arrestato un vero e proprio aguzzino che ha costretto una donna a una forma di schiavitù sessuale.

La donna, è stata costretta a inviare i turni di servizio, a filmare ogni giorno la propria biancheria intima e gli atti di autoerotismo mentre era al lavoro, costretta inoltre ad innumerevoli rapporti sessuali forzati, ripresi anche con il telefonino.

A questo si aggiungono minacce, anche pesanti e richieste particolari

Questo quanto emerso dalle indagini che hanno portato all’arresto dell’aguzzino, un 53enne originario di Roma, con interessi lavorativi nel capoluogo d’Abruzzo.

Durante una perquisizione in casa dell’uomo, sono stati trovati filmati, registrazioni e altro materiale che lo hanno incastrato.

L’uomo, come riporta Il Messaggero, è accusato di violenza sessuale, stalking e minacce. I rapporti sessuali forzati sono iniziati 4 anni, insieme a tutto il resto.