Quantcast

L’Aquila, ultimo giorno di screening alla popolazione scolastica: nessun positivo

Ultimo giorno di screening Covid 19 per la popolazione scolastica dell'Aquila. I dati.

L’AQUILA – Ultimo giorno di screening alla popolazione scolastica. I dati.

Sono stati complessivamente 4.641 i test rapidi effettuati nel corso dello screening gratuito per la popolazione scolastica dell’Aquila, che si è concluso nel tardo pomeriggio di oggi. Durante i quattro giorni delle operazioni (3, 4, 5 e 6 gennaio) non sono stati registrati tamponi positivi al covid-19.

Nell’ultima giornata di attività sono state 937 le persone che si sono sottoposte allo screening, 723 studenti, 140 docenti e 74 operatori scolastici non docenti. In totale, gli studenti che hanno aderito al test sono stati 3.528 (1.837 delle scuole superiori, 774 delle medie e 917 delle primarie), gli insegnanti 833 e gli addetti non docenti 280.

Da considerare che oggi non è stata operativa la postazione drive through di Bazzano, mentre hanno funzionato regolarmente, come nei tre giorni precedenti, il drive through  allestito dalla Croce Rossa a Monticchio (ex Multisala Garden) e le linee di prelievo situate al musp dell’asilo nido di via Ficara e alle palestre dell’Itis di via Acquasanta e dell’Ipsiasar di viale Aldo Moro.

Domani, a partire dalle 7.30, il personale del Comune accompagnerà la ditta incaricata al ritiro dei rifiuti sanitari in tutte le sedi.

“Il risultato è stato analogo a quello dello screening dei cittadini aquilani di inizio dicembre – ha osservato il sindaco Pierluigi Biondi – in quel caso era stato stimato che la popolazione che poteva sottoporsi ai tamponi era di circa 50mila unità e i test effettuati sono stati 23mila, quasi la metà. Anche adesso, con una popolazione scolastica di circa 10mila persone, in quasi 5.000 si sono sottoposti allo screening. Segno evidente che il senso di responsabilità si conferma alto anche in un settore particolare, e peraltro molto importante, come quello dell’istruzione. Ringrazio dunque tutti coloro che hanno deciso di aderire alla nostra iniziativa, i docenti, i non docenti, gli studenti, le famiglie che hanno accompagnato bambini e ragazzi alle postazioni. Così come ringrazio tutti gli operatori sanitari che si sono messi a disposizione volontariamente per eseguire i test, i dipendenti comunali impegnati sotto varie forme in questa operazione e le organizzazioni che ci hanno assistito”.

“Ancora un volta – ha concluso il sindaco Biondi – siamo nelle condizioni di mettere a disposizione delle strutture sanitarie dei dati che, anche alla luce del fatto che non sono emersi casi positivi al coronavirus, possono risultare molto utili nell’attività di contenimento del contagio. Ora più che mai, anche davanti a certi segnali confortanti, non va abbassata la guardia e occorre tenere un comportamento serio e responsabile, rispettando tutti gli obblighi che vanno dall’uso delle protezioni delle vie aeree al distanziamento sociale, alla frequente igienizzazione delle mani e così via”.