Quantcast

Scuola De Amicis, fine lavori nel 2022

Ricostruzione De Amicis, ancora 2 anni per la chiusura del cantiere. Nell'edificio non ci sarà più la scuola.

Per il cantiere della scuola De Amicis in centro storico ci vorranno ancora almeno 18 mesi.

L’edificio che ospitava la De Amicis, nel cuore del centro storico e scuola elementare di generazioni di aquilani fu al centro, nell’immediato post sisma, della mobilitazione delle cantanti “Amiche per l’Abruzzo”.

Ancora 2 anni per togliere quell’impegnativo reticolo di tubi, emblema della ricostruzione post sisma.

I lavori sono iniziati l’anno scorso; l’edificio non ospiterà più una scuola ma verrà molto probabilmente adibito ad uffici.

L’intervento di restauro e ristrutturazione è diretto dal provveditorato Opere pubbliche, come stazione appaltante, per 12 milioni di euro. Tra i fondi, anche quelli raccolti dalle “Amiche per l’Abruzzo”, le cantanti Laura Pausini, Giorgia, Fiorella Mannoia, Gianna Nannini ed Elisa.

Prima di essere una scuola, la De Amicis era un ospedale, il grande Ospedale Maggiore, fondato nel 1448 da San Giovanni da Capestrano che aveva riunito in un unico blocco i circa 30 piccoli nosocomi presenti in città e nella zona intorno.

Nei primi anni del’900 dopo essere stato anche infermiera militare fu riadattato a scuola e prese il nome attuale nel 1938, in onore della scrittore del libro Cuore, il romanzo sulla scuola che fu.

Nel cortile infatti c’era una frase emblema di De Amicis: “Piccolo soldato dell’immenso esercito, i tuoi libri sono le tue armi”.

Come riporta Il Centro, nel progetto c’è anche l’intento di valorizzare e recuperare tutto ciò che resta della struttura risalente al ‘400.