Quantcast

Scuola post Covid, a L’Aquila piano per i trasporti

Scuola in presenza post Covid, presentato un documento orientativo che risolve il problema dei trasporti pubblici a L'Aquila per un rientro in sicurezza.

Con la presentazione del Documento Operativo si è concluso il lavoro del Tavolo di coordinamento per la problematica legata al rientro a scuola nella provincia aquilana degli studenti delle scuole secondarie di secondo grado ed al relativo Piano dei trasporti pubblici.

Le riunioni organizzative, aperte il 9 dicembre dal Prefetto dell’Aquila, Cinzia Torraco, si sono susseguite con regolare frequenza nelle successive due settimane, curate dalla speciale task force istituita in Prefettura dal Prefetto, con la collaborazione dei soggetti facenti parte del tavolo: Regione Abruzzo; Provincia; Comuni dell’Aquila, Avezzano, Sulmona, Carsoli, Tagliacozzo, Castel di Sangro e Roccaraso; Questore della provincia dell’Aquila; Comandanti p.li dei Carabinieri e della Guardia di Finanza; Ufficio Scolastico Regionale e Provinciale; Motorizzazione Civile; TUA ed AMA.

L’obiettivo del lavoro è stato quello di determinare ogni possibile soluzione per garantire il rientro in sicurezza del 75% degli studenti delle scuole secondarie di secondo grado, nella considerazione che evitare qualunque forma di assembramento costituiva l’obiettivo principale da raggiungere.

Le criticità rilevate sono state individuate suddividendo la provincia in tre macro aree: “Città dell’Aquila”, “Area Marsica” e “Area Valle Peligna-Alto Sangro” e procedendo successivamente con l’elaborazione di singole schede tecniche per ogni Istituto Scolastico, raffrontando orari di ingresso e di uscita con quelli stabiliti dalle Società di trasporto e tenendo in considerazione il numero degli studenti, la loro provenienza e la ridotta capacità di riempimento dei mezzi a disposizione, fissata come noto al 50% della loro capienza.

I principali provvedimenti che saranno adottati all’interno delle aree individuate e dettagliati nelle singole schede tecniche elaborate, riguardano in particolare scaglionamenti negli orari di ingresso; adeguamento e potenziamento delle corse urbane ed extraurbane, anche con il ricorso del noleggio di vettori privati di trasporto; lavori di adeguamento di alcune fermate urbane ed extraurbane, anche con l’utilizzo di zone di maggiore ampiezza e predisposizione dell’attività di controllo al fine di contenere e possibilmente evitare ogni rischio di assembramenti nei luoghi di maggiore affollamento.

Il Documento ha altresì quantificato e definito i costi stimati per l’attuazione delle misure previste da parte delle Società di Trasporto.

Il Prefetto Torraco intende ringraziare tutte le componenti che hanno contribuito alla definizione del Documento per il grande sforzo collaborativo messo in atto per consentire ai ragazzi, privati ripetutamente quest’anno della possibilità di frequentare le lezioni come naturale, di tornare a Scuola in piena sicurezza.

Ai ragazzi il Prefetto affida l’esortazione a rispettare tutte le misure previste, ad indossare con regolarità la mascherina e ad evitare qualunque forma di contatto e di assembramento, nel rispetto della salute di tutti e della possibilità di continuare, come tutti auspicano, le lezioni scolastiche in presenza.