Quantcast

Regione Abruzzo, maratona DEFR: si chiude entro Natale

Sessione di Bilancio in Regione Abruzzo, maggioranza e opposizione affilano le armi in vista della discussione sul DEFR. Si punta a chiudere prima di Natale.

L’AQUILA – Il DEFR arriva in Commissione Bilancio, lavori a marce forzate fino alla Vigilia di Natale. Scintille tra maggioranza e opposizione.

Nel primo pomeriggio audizioni delle associazioni in Commissione Bilancio, nell’ambito della sessione lavori che porterà all’approvazione del DEFR, il Documento economico finanziario regionale, e l’immancabile “Milleproroghe”. Domani, 18 dicembre, invece, sarà la volta degli assessori regionali e delle altre commissioni chiamate ad esprimere il parere, dalla Comissione Territorio all’Agricoltura, Politiche europee e Sanità. Infine, il ritorno in Commissione Bilancio per l’esami di merito.

Sarà poi l’assessore Guido Quintino Liris ad illustrare il documento in Consiglio regionale, la cui riunione – se il calendario viene rispettato – ci sarà il 21 dicembre, con prosecuzione a mercoledì 23 dicembre e chiusura entro le ore 24.  Insomma, la Regione dovrebbe arrivare alla Vigilia di Natale con il DEFR approvato, in modo che il Consiglio potrà tirare i remi in barca per le vacanze natalizie. Molto, però, dipenderà dalla compatezza della maggioranza, a fronte delle incursioni dell’opposizione, che ha già affilato le armi.

Già dalla seduta propedeutica, saltata per mancanza di numero legale, è risultato evidente che le forze di governo stanno cercando un equilibrio sulla distribuzione delle risorse, anche se probabilmente sarà con il famigerato “Milleproroghe” che tornerà il sereno, come spesso avvenuto anche in passato. Intanto l’opposizione si prepara alla battaglia: “Nel Defr targato Marsilio non c’è nessuna idea. […] All’approdo in Commissione prima si sono spaccati, poi, nonostante il rinvio, sono arrivati in ritardo e senza aver prodotto tutti i documenti utili, che stiamo ancora attendendo; ci hanno inoltre espressamente chiesto in sede di Capigruppo, un contingentamento dei tempi causa covid e in vista delle feste, per limitare gli spostamenti, che, ci auguriamo, a documento approvato non provino a far passare come capacità di chiudere la discussione per manifesta capacità politica”.

A difendere il documento economico finanziario, il consigliere di Forza Italia Mauro Febbo: “Si tratta di un documento di 287 pagine che forse qualcuno non ha letto con attenzione, così come non ha prestato il giusto interesse nei confronti del documento integrativo di 100 pagine, prodotto a novembre, a seguito della pandemia e dei conseguenti provvedimenti regionali, nazionali ed europei, con le variazioni di bilancio, la relativa riprogrammazione di risorse ingenti e i correttivi legati alla futura programmazione 2021-2027, nonché quella straordinaria con il Recovery Fund. In queste quasi 400 pagine, che probabilmente non sono state attenzionate adeguatamente, ci sono tutte le risposte alle sterili polemiche dell’opposizione di centrosinistra troppo impegnata a screditare, senza costrutto, il lavoro di questo governo regionale e della maggioranza”.

Da parte sua, il vicepresidente del Consiglio in quota opposizione, Domenico Pettinari, ha già preparato numerosi emendamenti, riguardanti inquinamento acustico, lavoro, patrimonio pubblico, polizia locale, aree interne, consorzi di bonifica, infrastrutture e turismo.

Insomma, maggioranza e opposizione affilano le armi in vista della “battaglia finale” in Consiglio, che – stando alle premesse – non sarà intrisa di spirito natalizio.