Quantcast

Parco Sirente Velino, manca il numero legale: salta la Commissione Territorio

Proposta di legge sul Parco Sirente Velino, i lavori in Commissione fermati dalla mancanza di numero legale, ma sono pronti anche oltre 4mila emendamenti dell'opposizione. Nel frattempo parte anche il calendario lavori della sessione di Bilancio.

L’AQUILA – Nulla di fatto in Commissione Territorio per mancanza di numero legale. Valanga di emendamenti da parte dell’opposizione. Si annunciano tempi lunghi per la proposta di legge sul Parco Sirente Velino.

Era convocata per le 12 la Commissione Territorio dedicata alla proposta di legge sul Parco Sirente Velino, che prevede la riperimetrazione e una nuova governance per l’ente. È mancato però il numero legale, quindi i lavori sono slittati alla prossima convocazione.

Non sarà comunque un percorso breve: “Solo io ho presentato oltre 2300 emendamenti – ha spiegato a IlCapoluogo.it il consigliere regionale del M5S Giorgio Fedele – e altri 2mila credo li stia presentando Pierpaolo Pietrucci, in tutto più di 4mila emendamenti per fermare questa proposta di legge”.

L’obiettivo è quello riaprire il confronto soprattutto per quanto riguarda la riperimetrazione. La mole degli emendamenti ha già fatto slittare il termine di consegna degli emendamenti, in quanto gli uffici non sono riusciti a caricarli ancora tutti nel sistema, poi toccherà ai sub emendamenti. Solo dopo dovrebbero iniziare i lavori veri e propri in commissione. “Voglio sperare nel buon senso della maggioranza per la riapertura del tavolo di confronto, altrimenti se si andrà al braccio di ferro siamo pronti a discutere gli emendamenti uno per uno“. I tempi, in questo modo, si prevedono lunghi, anche perché dall’opposizione ritengono di aver presentato emendamenti “a prova di ghigliottina, che comunque può entrare in azione solo in Consiglio, non in Commissione”.

Tempi lunghi, quindi, senza contare il calendario della sessione di Bilancio che inizia mercoledì 16 dicembre con le audizioni in Commissione Bilancio; successivamente si riuniranno le altre Commissioni per esprimere il parere. A seguire intensi lavori fino a lunedì 21 dicembre, quando è in programma la seduta del Consiglio regionale per la discussione dei documenti politici e di quelli relativi al Bilancio che eventualmente potranno proseguire mercoledì 23, con chiusura entro le 24. Un calendario impegnativo in cui si dovrà incastrare anche la discussione sul parco.