Shopping ai tempi del Covid19, come cambia la moda: a ruba pigiami, tute e ciabatte

Natale 2020, lo shopping e i regali nell'anno della pandemia: ciabatte e pigiami sold out ovunque. Finito il tempo in cui si temeva di trovare sotto l'albero il pigiama di flanella dono della prozia.

Ciabatte sold out su tutti i siti, insieme a pigiami, tute e calzini.

Se prima sotto Natale era la corsa a quel capo “must have”, il Covid 19 ha rivisto anche le abitudini in fatto di outfit, regali e shopping in generale.

Una moda, quella delle ciabatte pelose e del calzino di spugna con tutone oversize, lanciata durante il lockdown di marzo da 2 famose influencer: Chiara Biasi e Gilda D’Ambrosio che su Instagram hanno postato storie su storie dei loro “comfort look”.

Basta comunque dare uno sguardo ai vari siti di shopping online e ci si rende subito conto che le ciabatte non hanno mai avuto un tale momento di importanza insieme ai pigiami e alle tute.

Da siti come Shein, passando per colossi come Amazon o brand come Zara è un tripudio di ciabatte stile Birkentock, con pelo e pon pon, tute morbide e colorate.

natale 2020 moda

In quanti per anni abbiamo temuto di trovare sotto l’albero il pigiama di flanella, regalo della prozia Teresa o della mamma premurosa? A quanto pare quest’anno sarà un must have!

Uno shopping di settore che in poche settimane ha già mandato in fumo miliardi di euro in determinate categorie merceologiche. Perchè alcune cose proprio non si vendono più: manca la necessità.

Insieme ai conviviali e alla socialità sono morti anche i tacchi 12 e i plateau generosi: il nuovo mood è tuta, ciabatta e calzino alto.

Ovviamente, difficilissimo trovare taglie e numeri: perchè è vero che si deve stare in casa il più possibile, specie in Abruzzo che è ancora zona rossa, ma almeno con stile.

ciabatta di pelo

Di solito, in questo periodo dell’anno, Zara aveva sempre la sezione ‘party dress’, con una serie di abiti, scarpe e accessori in tema con le feste: pizzi, lustrini, paillettes di tutti i colori.

Questa sezione nell’anno della pandemia è scomparsa: dopo il black Friday sono arrivati sul sito 3/4 abiti a tema più austeri in linea di massima rispetto al solito, per dare spazio a maxi dress in lana, in felpa ma soprattutto manicotti, coprispalle, tute coordinate in toni pastello.

Non solo tute ma anche leggings di tutti i tipi, la catena Calzedonia ha creato proprio una linea “smart working” la cui testimonial è Chiara Ferragni, in cui a fare da padrone sono i fuseaux, anche in cachemire, le maxi maglie comode, i lupetti di microfibra.

Le foto allegate all’articolo sono prese dell’e-shop di Shein.