Screening Covid 19 L’Aquila, Marinangeli: “Farlo è una prova di civiltà”

Screening Covid 19 L'Aquila, l'appello del primario Franco Marinangeli: "Farli è una prova di civiltà. Non è una gara di opinioni".

“Fare lo screening è una prova di civiltà”.

Questo l’appello del primario di Terapia Intensiva dell’Ospedale San Salvatore dell’Aquila, Franco Marinangeli, che invita la popolazione a fare gli screening che si terranno in città dal prossimo fine settimana.

“Un invito forte a tutti a partecipare allo screening. È una situazione quella attuale che richiede la massima attenzione e nessuno può tirarsi indietro. Una partecipazione massiccia permetterà di isolare realmente i portatori sani e di evitare il peggio”, scrive Marinangeli sul suo profilo Facebook.

“È un’opportunità che la nostra comunità non può perdere. La politica non c’entra, ci sono momenti in cui bisogna andare all’unisono. Dobbiamo avere un obiettivo comune e essere uniti per raggiungerlo. Nessuna cura in questo momento può essere così efficace come un’operazione di tracciamento del genere”.

“Gli ospedali di tutta Italia sono in seria difficoltà, e non è il colore ‘concesso’ con metodi alquanto discutibili che cambia lo stato delle cose. Il vero indicatore è il numero di pazienti in gravi condizioni ricoverati, e purtroppo ce ne sono molti, troppi”.

“Un comportamento adeguato, un atto di fede, in questo momento, permetterebbe di salvaguardare salute ed economia. Si tratta di una prova di civiltà, non di una sfida tra opinionisti”.