Quantcast

Consiglio regionale d’Abruzzo, Vincenzo D’Incecco nuovo capogruppo Lega

Dopo il passaggio in Giunta di Pietro Quaresimale, Vincenzo D'Incecco nuovo capogruppo della Lega. I lavori in Consiglio regionale.

L’AQUILA – Dopo la nomina ad assessore di Pietro Quaresimale, Vincenzo D’Incecco nuovo capogruppo della Lega. I lavori in Consiglio regionale.

Vincenzo D’Incecco è il nuovo capogruppo della Lega in Consiglio regionale” lo dichiara Luigi D’Eramo, segretario regionale del partito, che scrive: “La decisione è stata deliberata nell’ultima riunione del gruppo consiliare dopo il necessario confronto interno. Voglio ringraziare tutti i componenti per il lavoro che stanno portando avanti con passione e determinazione; mi preme, in particolar modo, un plauso a Emiliano Di Matteo che, sempre nell’ottica del gioco di squadra, ha accettato di fare un passo di lato con l’obiettivo di essere sempre di maggiore ausilio alla mia persona per affrontare al meglio le sfide gravose che ci vedono protagonisti. Abbiamo completato l’assetto così da concentrare tutti gli sforzi sul rilancio dell’attività amministrativa in un momento di particolare difficoltà per gli abruzzesi. La Lega continuerà nell’opera propulsiva dell’attività di governo, mai interrotta, con l’intento di sostenere, in questa fase, le categorie più colpite dagli effetti della pandemia”. Il vicecapogruppo è invece Manuele Marcovecchio.

Consiglio regionale, i lavori in Aula.

Il Consiglio regionale ha approvato la normativa in materia di tatuaggio e piercing. La proposta di legge si propone da un lato di tutelare adeguatamente coloro che, sempre più numerosi, scelgono di sottoporsi a tali pratiche e dall’altro la professionalità degli operatori del settore. Tra le previsioni il divieto di eseguire tatuaggi, piercing, dermopigmentazione e trucco ai minori di 18 anni senza il consenso informato e obbligatorio reso personalmente da tutti i soggetti che esercitano la potestà genitoriale. Resta comunque vietato di eseguire dermopigmentazione, trucco e tatuaggi ai minori di 16 anni, e di piercing ai minori di 14 anni, fatto salvo il piercing al lobo dell’orecchio comunque autorizzato tramite consenso informato obbligatorio e reso personalmente dai soggetti che esercitano la potestà genitoriale. Vietato eseguire tatuaggi nelle parti anatomiche nelle quali sono possibili conseguenze invalidanti o in parti dove è difficile la cicatrizzazione ovvero nei tatuaggi artistici per palpebra, bulbo oculare, mucose genitali, e per i piercing alla palpebra. Vietato infine eliminare tatuaggi in strutture non sanitarie e praticare tatuaggi agli animali, fatta eccezione delle marche identificative. I clienti hanno l’obbligo di sottoscrivere il consenso informato sui rischi legati all’esecuzione e sulle precauzioni da tenere dopo le operazioni di tatuaggio, piercing e dermopigmentazione.

Approvato, a maggioranza, il progetto di legge di iniziativa dei consiglieri regionali Marcovecchio, Montepara, La Porta (Lega Salvini Abruzzo), che mira a  contrastare l’inquinamento dovuto dalla dispersione in ambiente dei dispositivi monouso di protezione (mascherine) il quale utilizzo si è reso necessario a seguito dell’emergenza da Covid-19. La Regione Abruzzo promuove l’utilizzo di idonei contenitori per la raccolta differenziata dei dispositivi di protezione monouso presso le sedi istituzionali regionali ed i luoghi di lavoro del Consiglio e della Giunta regionale; eroga contributi ai Comuni finalizzati alla diffusione sul rispettivo territorio della raccolta differenziata dei dispositivi di protezione monouso; promuove una campagna di sensibilizzazione per i cittadini della Regione Abruzzo al fine di separare i dispositivi di protezione monouso dal rifiuto indifferenziato; promuove la realizzazione di un impianto pubblico di smaltimento per il riciclaggio dei dispositivi. La tipologia dei dispositivi di protezione monouso oggetto di conferimento negli appositi contenitori sono definiti dalla Giunta regionale, sentita la competente Struttura regionale. I Comuni utilizzano i contributi regionali erogati per l’acquisto ed il posizionamento di idonei contenitori per la raccolta differenziata dei dispositivi di protezione monouso presso i rispettivi uffici comunali nonché in prossimità dell’uscita dei luoghi del rispettivo territorio ove ritengono vi sia maggiore flusso di persone.

L’Assemblea legislativa ha anche discusso i seguenti documenti politici: Interrogazione a firma del consigliere Dino Pepe (Pd) sulla “Situazione relativa alla persistenza dei miasmi maleodoranti nei territori ricadenti i Comuni di Colonnella, Controguerra, Martinsicuro”; Interpellanza a firma del consigliere Francesco Taglieri (M5S) sul “Focolaio Covid nella struttura “Casa Religiosa Antoniano” a Lanciano”; Interpellanza a firma del consigliere Sandro Mariani (Abruzzo In Comune) sulla” Procedura di richiesta ed esecuzione SARS-COV2 test in ambito scolastico”; Interpellanza a firma del consigliere Sara Marcozzi (M5S) sulla “Pet-Tac dell’Ospedale di Chieti: rischio esposizione SARS-COV-2 pazienti immuno depressi e costi noleggio”.