Covid 19, ancora dad in Abruzzo, riaprono scuole nelle regioni arancioni

L'Abruzzo resta regione rossa: ancora dad dalla seconda media. Si riaprono le scuole nelle zone arancioni. Proposta di did dai primi di dicembre.

L’Abruzzo è ancora regione rossa, gli studenti dalla seconda media alle superiori restano in dad.

Tornano invece finalmente in presenza gli studenti del primo ciclo e delle medie in Lombardia, Piemonte e Calabria che dalla zona rossa passano a quella arancione.

Da oggi, lunedì 30 novembre tornano in classe circa 719 mila studenti, mentre sono 3.320.958 quelli che restano in dad.

Tra gli alunni che seguiranno le lezioni in presenza ci saranno anche 164.140 alunni con disabilità, mentre altri 97.540, quasi tutti di scuola secondaria di II grado, dovranno seguire l’attività da casa, a meno che non vogliano frequentare anche da soli le lezioni preparate per loro a scuola.

Con il rientro in classe degli alunni, non saranno più 362 mila i docenti che dai primi di novembre erano stati costretti a seguire i loro alunni a distanza: saranno infatti 331.557 quelli che continueranno a farlo da casa.

Saranno in classe anche 110.091 docenti di sostegno, mentre 60.288 loro colleghi seguiranno gli alunni affidati in altra forma.

Did al posto della Dad, la proposta

Intanto però, il ministro per le Pari opportunità e la famiglia Elena Bonetti auspica “un piano di organizzazione dei trasporti locali e dei servizi sanitari dedicati per la scuola che permetta di arrivare già dai primi giorni di dicembre a una forma di didattica quanto meno integrata per le scuola che adesso sono in Dad al 100%”.