Quantcast

Emergenza Covid 19, imprese in crisi: il grido di allarme degli amministratori

Emergenza Covid 19, il sindaco Biondi chiede l'intervento del Governo per le imprese esluse dal DL Ristori, mentre 500 amministratori della Lega Abruzzo scrivono a Conte.

Imprese in crisi a causa dell’emergenza Covid 19, il sindaco Biondi chiede l’intervento del Governo per le imprese esluse dal DL Ristori, mentre 500 amministratori della Lega Abruzzo scrivono a Conte.

“C’è una fetta di imprenditori e aziende che, a causa di un tecnicismo burocratico normativo, è tagliata fuori dal sistema di indennizzi promossi sino ad ora dal governo, sia con il decreto rilancio sia con il decreto ristori bis. Una situazione che all’Aquila e nei comuni del cratere 2009 è resa ancora più complessa dai processi di ricostruzione in atto e che ho portato all’attenzione del presidente del Consiglio dei ministri, Giuseppe Conte, del ministro dell’Economia e delle finanze, Roberto Gualtieri, e del ministero dello Sviluppo economico”. Lo denuncia il sindaco dell’Aquila, Pierluigi Biondi, ricordando che “le somme erogate dall’esecutivo nazionale per sostenere le attività produttive in crisi a causa del coronavirus sono legate alla perdita percentuale di fatturato mettendo a paragone i mesi di marzo e aprile 2019 con i mesi di marzo e aprile 2020. L’unica eccezione prevista nei due decreti è concessa ai titolari di partita iva aperta dopo il 31 dicembre 2018 a cui è riconosciuto un rimborso forfettario, perché l’attività potrebbe essere partita successivamente al periodo preso in esame”.

Questa agevolazione, però, – spiega il sindaco – esclude numerosi soggetti registrati prima del 31 dicembre 2018. Anche questi, di fatto, diventati operativi successivamente al bimestre marzo-aprile 2019: la data di apertura della partita iva, infatti, spesso non coincide con l’effettivo inizio dell’attività e di conseguenza con il primo giorno in cui si iniziano ad avere ricavi, come nel caso di quelle ricomprese, post 31 dicembre 2018. Una fattispecie che, in città e nel territorio, coinvolge diversi professionisti e titolari di attività commerciali che, a causa di ritardi negli allacci delle utenze piuttosto che nella riconsegna dei lavori da parte delle ditte o per i lavori dei sottoservizi, adesso si ritrovano in un limbo amministrativo, costretti a rimanere chiusi e senza la possibilità di poter accedere a fondi per compensare, almeno in parte, le perdite. Con una lettera inviata al premier, al ministro dell’Economia e al Mise ho chiesto di tenere in considerazione questa specificità, legata essenzialmente alle aree colpite dal sisma 2009, al fine di prevedere, auspicabilmente nella legge di conversione del decreto ristori-ter, o in previsione del decreto ristori-quater, una norma che consenta ai titolari di partita iva del cratere 2009, attualmente esclusi dai rimborsi per la diminuzione di fatturato, di prendere a riferimento altri periodi temporali rispetto a quelli previsti dalle disposizioni attuali, vista la specificità rappresentata da questo territorio”, conclude il sindaco.

Emergenza Covid, la Lega Giovani Abruzzo insieme a 500 giovani amministratori scrive a Conte: “Tutelare commercio locale”.

“Oltre 500 giovani amministratori di tutta Italia hanno scritto al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte per chiedere provvedimenti decisi nei confronti dei colossi dell’e-Commerce. Anche gli amministratori under 35 della Lega Giovani Abruzzo – scrive in una nota il coordinatore regionale Francesco De Santis – hanno sottoscritto la lettera che sottolinea tutte le legittime preoccupazioni di chi vive quotidianamente il territorio ed ascolta il grido di dolore degli ultimi. L’Abruzzo è una regione che sta pagando caro il prezzo delle restrizioni dovute al Covid-19, e la crisi sanitaria rischia di tramutarsi in una devastante crisi economica. Mentre i nostri commercianti rischiano di non riaprire più le saracinesche, i giganti del web stanno traendo enorme profitto da questa situazione, incrementando anche del 200% i loro introiti. In un momento così tragico per la nostra economia, che rischia di peggiorare ancora di più con l’avvicinarsi del periodo natalizio, le tante azioni introdotte dalle amministrazioni locali a tutela del commercio locale non sono purtroppo più sufficienti. Non potevamo che unirci anche noi alle centinaia di giovani amministratori guidati dall’On. Luca Toccalini, – conclude De Santis – nel sottoscrivere questa richiesta. Speriamo di non dover vedere, in Abruzzo, nuove luci spegnersi nei locali”.