Covid 19 L’Aquila, sopralluogo all’ospedale: i posti letto si possono attivare, ma manca il personale

Biondi, Liris e Sigismondi per un sopralluogo all'ospedale dell'Aquila nell'emergenza Covid 19: si potrebbero attivare altri posti letto, ma serve il personale.

L’AQUILA – Il sindaco dell’Aquila, Pierluigi Biondi, in visita all’ospedale San Salvatore: “Nuovi posti letto si possono attivare, ma serve più personale”.

Serve più personale e serve subito. Questo in estrema sintesi l’esito del sopralluogo effettuato presso l’ospedale dell’Aquila dal sindaco Pierluigi Biondi, insieme all’assessore regionale Guido Quintino Liris e al capo segreteria del presidente Marco Marsilio, Etelwardo Sigismondi.

“Abbiamo incontrato i primari dell’ospedale, il direttore sanitario di presidio ed è emerso che il principale problema riguarda il personale. Con la pressione che c’è sulla struttura sanitaria – spiega a IlCapoluogo.it il sindaco Biondi – c’è necessità di personale in grado di gestire posti letto che sarebbero anche attivabili ulteriormente. Bisogna recuperare il tempo perso, procedendo con estrema urgenza con l’avviso per infermieri a tempo determinato, così come bisogna procedere con urgenza con un avviso per operatori socio sanitari”. Un altro aiuto in questo momento di emergenza potrebbe arrivare anche dalla mobilità in entrata, “di professionisti di altre Asl che vogliano venire a lavorare a L’Aquila, o magari anche aquilani che attualmente sono fuori”.

Con la presenza dell’assessore Liris e il capo segreteria del presidente Marsilio, Sigismondi è stato trattato anche il tema dello screening con i test a tappeto in provincia dell’Aquila: “Dobbiamo definire i dettagli di un piano imponente che ha bisogno dal reperimento di medici di famiglia e pediatri alle strutture, fino alla logistica e all’informatica”.