Sulmona, terapia intensiva diventa reparto Covid

L'ospedale SS. Annunziata di Sulmona non ha più la Terapia intensiva. Pazienti ad Avezzano. Casini all'attacco: "10 mln per rete Covid a Pescara e L’Aquila, le briciole a Sulmona, ma la nostra Terapia Intensiva ‘sporcata’ per la rete Covid Regionale".

L’ospedale SS. Annunziata di Sulmona non ha più il suo reparto di Terapia intensiva, l’unità è stata riconvertita in reparto Covid 19.

Una decisione non anticipata al sindaco di Sulmona, Annamaria Casini.

Anche Sulmona ospedale Covid per far fronte all’emergenza, insieme ad Avezzano e L’Aquila in provincia. Gli 8 posti di terapia intensiva, intanto, sono stati tutti riconvertiti per le esigenze di ricovero di pazienti Covid, provenienti da altri territori, mentre i pazienti ricoverati in Rianimazione sono stati trasferiti ad Avezzano.

Duro il commento del sindaco Annamaria Casini.

“Mentre i nostri cittadini sono nel pre-triage e non trovano collocazione negli altri ospedali, qui arrivano pazienti da fuori provincia. […] Un film già visto – attacca il sindaco Casini in una nota – come otto mesi fa. Cosa verrà a dirci il Presidente Marsilio? Dieci milioni investiti per la rete Covid a Pescara e L’Aquila, le briciole a Sulmona, ma la nostra Terapia Intensiva ancora una volta ‘sporcata’ per sostenere la rete Covid Regionale. Ecco la dimostrazione concreta della considerazione che ha questo territorio e della incapacità a gestire questa emergenza”.

Un duro colpo non solo per il primo cittadino di Sulmona, ma per l’intero territorio peligno. Proprio nel pomeriggio di ieri, infatti, si è svolta la riunione dei sindaci della Valle Peligna e Subequana. 23 sindaci a colloquio, telematico, con il Direttore Roberto Testa. Un incontro che sembrava aver aperto qualche spiraglio tra le parti.

“Il Manager ci ha annunciato che incontrerà, già lunedì, il direttore della San Raffaele, al fine di valutare un reparto Covid nella struttura. Presenteremo nelle prossime ore, al Direttore Generale, un quadro analitico delle criticità e delle proposte che consegneremo già lunedì pomeriggio in occasione dell’incontro, presso il Presidio Ospedaliero di Sulmona, con il Presidente della Regione Marsilio, con il quale ho avuto modo di interfacciarmi in questi giorni quando mi ha comunicato la sua visita a Sulmona nella giornata di lunedì pomeriggio”.

Qualche ora dopo la situazione è precipitata, con l’ospedale di Sulmona che ha perso la Terapia Intensiva, messo nuovamente a far fronte all’emergenza Covid. Sarà un incontro ad alta tensione, allora, quello di lunedì. Del resto, l’ospedale di Sulmona copre un ampio bacino di utenza, punto di riferimento fondamentale per le aree interne del territorio peligno e subequano, fino alla Valle del Sagittario e all’Alto Sangro.