Chiude Yamamay L’Aquila, vittima della crisi economica da Covid

Yamamay lascia L'Aquila: il negozio, all'interno del centro commerciale Globo Center, ha annunciato la chiusura del punto vendita.

Yamamay lascia L’Aquila: il negozio, all’interno del centro commerciale Globo Center, ha annunciato la chiusura del punto vendita.

A spiegare le motivazioni, anche sui social, è la titolare Luana Bonomo: il primo lockdown già aveva fiaccato l’attività. Ma Luana, insieme alle dipendenti di Yamamay L’Aquila, non si era data per vinta.

“Vorrei provarci ancora. Proverò a fare qualche altro debito e proviamo a ripartire”

aveva detto alle sue ragazze (“piccole“, le definisce affettuosamente) in un video, privato, che ha deciso stamane di condividere sui social.

Una grandissima tenacia e un attaccamento al lavoro che però, di fronte a questo secondo lockdown di fatto, non bastano. 

“Dal Covid in poi si lavora poco, le entrate non coprono le uscite. Recuperare le perdite è impossibile. Da guerriera, non mi sono abbattuta, ho fatto debiti, ma la situazione attuale sta degenerando. Gli ingressi sono quasi inesistenti ma i costi ci sono tutti, persino aumenti. A questo punto, anche le guerriere devono avere il coraggio di dire STOP”.

Decine i messaggi di stima e solidarietà che stanno arrivando a Luana. Il negozio resterà aperto ancora per pochi giorni dalle 10 alle 19 per poi abbassare le serrande definitivamente, in un destino che purtroppo accomuna migliaia di commercianti alle prese con la crisi economiaca scaturita dal Covid.

A Luana Bonomo, alle sue dipendenti  e alle loro famiglie la solidarietà da parte della redazione del Capoluogo