Emergenza Covid 19, a Collelongo 10 giorni di lockdown

Emergenza Covid 19, a Collelongo lockdown fino all'8 novembre.

10 giorni di lockdown a Collelongo per cercare di arginare la nuova ondata di casi positivi al Covid 19.

Lo ha deciso il sindaco Rosanna Salucci con un’ordinanza.

A Collelongo quindi fino all’8 novembre si torna con i comportamenti al marzo scorso. Chiuse scuole, bar, parrucchieri, barbieri ed estetiste.

I casi di positività nel paese dell’alta Vallelonga che conta poco meno di 1.200 abitanti sono ufficialmente 21 ma dal Comune fanno sapere che si sta registrando un numero rilevantissimo di contagiati, la maggior parte dei quali asintomatici con i gravissimi rischi connessi alla diffusione del contagio; l’esame dei dati epidemiologici dimostra che persiste ed è in progressivo aumento la diffusione del virus e il fenomeno sta coinvolgendo l’intera comunità compresa la popolazione scolastica.

Il tutto unito alla difficilissima situazione che si registra nell’erogazione dei servizi sanitari all’ospedale di Avezzano e negli altri presìdi marsicani.

Rimangono aperti farmacie, generi alimentari e di prima necessità, tabaccai, lavanderie, pompe funebri, ristoranti per le consegne a domicilio. Un vero e proprio lockdown dettato da diversi fattori che messi insieme hanno portato alla chiusura.

Sono espressamente raccomandati solo gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità e motivi di salute, è vietata ogni forma di assembramento in luoghi pubblici mentre è consentito svolgere attività motoria individuale all’aperto.

Come riporta Il Messaggero, vista la circostanza, il sindaco Salucci ha voluto inviare un messaggio ai concittadini: “In questo momento così brutto per la nostra comunità vi sono vicina più che mai. Soprattutto a chi soffre per il virus nella forma più severa. I medici di famiglia stanno lavorando in modo forsennato, noi amministratori stiamo lavorando da supporto prendendo queste misure affinché il contagio si contenga”.

Per guadagnare tempo, avere maggiori certezze e anche per alleggerire in qualche modo la pressione sulla Asl, il Comune di Collelongo ha ordinato e acquistato 100 test rapidi antigenici nasali che, una volta nella disponibilità, verranno effettuati da un operatore sanitario in modalità drive in dando priorità a chi ha sintomi ed è stato a contatto con casi positivi.

Intanto a Villavallelonga mentre si sta effettuando la prima serie di tamponi antigenici rapidi, il numero di persone positive è fermo a quota 24 e il sindaco Leonardo Lippa sta seguendo molto da vicino l’evolversi della situazione: “Abbiamo chiuso le scuole fino a sabato e il cimitero, la situazione sembrerebbe stabilizzarsi. La gente è impaurita e tanto di giorno quanto di notte nessuno gira per strada, sembra un paese fantasma e allora vogliamo avere qualche elemento di certezza in più prima di prendere ulteriori misure restrittive”.